Ad Arcigay di Messina due beni confiscati alla mafia

Gli immobili sottratti alle organizzazioni criminali di Acqualadrone e Mili Marina saranno adibiti a Pronto soccorso e centro di accoglienza

MESSINA – A Messina due beni confiscati alla mafia sono stati assegnati all’associazione Arcigay “Makwan” della città. Negli immobili che si trovano nel villaggi di Acqualadrone e Mili Marina saranno realizzati dall’associazione un pronto soccorso sociale e un centro di accoglienza per persone in difficoltà.

L’assegnazione degli immobili sottratti alla criminalità organizzata renderà molto piu’ articolata la struttura per un’assistenza maggiormente adeguata alla comunità messinese che fruisce dei servizi sociali, formata anche da tanti ragazzi invisi dalle famiglie e cacciati di casa per la loro omosessualità, ha evidenziato il presidente di Arcigay Makwan, Rosario Duca, durante una conferenza stampa al Teatro Vittorio Emanuele di Messina. La struttura si avvarrà del supporto professionale di psicologi e assistenti sociali. “La città fa un salto di qualità in tema di diritti sociali .. è una grande battaglia vinta..”afferma il sindaco di Messina Renato Accorinti.

Stampa Articolo