Nati nell’Irlanda dello smeraldo, hanno illuminato la Foresta Nera, il nuovo volume di Enzo Farinella: per l’Europa del futuro rilanciare cultura e valori dei monaci medievali

 Born in the Emerald Ireland, Lit up the Black Forest – Irish Pilgrims in Europe and Germany

(Nati nell’Irlanda dello smeraldo, hanno illuminato la Foresta Nera – Monaci irlandesi in Europa e Germania )

Gran parte della storia dell’Europa occidentale, prima dell’anno Mille, è svanita nei meandri del tempo.

Libri di storia ne parlano poco o tacciono sulla storia d’oro del monachesimo medievale irlandese con i suoi santi e studiosi.  

Il recupero di quanto questi intrepidi pionieri di cultura e civiltà hanno prodotto con le loro scuole e i loro monasteri, è urgente ed importante. Il ritorno alla verità, predicata dai santi e studiosi dell’Irlanda, è necessaria.

Il compito di portare alla luce il lavoro dei pellegrini irlandesi che si sono prodigati in Germania e in Europa, diffondendo fede e valori e riproponendo le fondamenta della civiltà occidentale, subito dopo il crollo dell’Impero Romano, è divenuto inderogabile.

L’archeologia di valori e principi di vita di quei tempi deve essere disseppellita e riproposta per i nostri giorni, proprio nel momento in cui il mondo, anche se globalmente connesso, si sta disintegrando e frammentando.

Lo fa con travolgente enfasi, il professor Enzo Farinella, capitolo dopo capitolo, libro dopo libro, nel narrare con accurata meticolosità la storia del monachesimo irlandese. Un impegno costante per tanti anni di approfondimento nel cammino salvifico dei pellegrini d’Irlanda, con l’intento preciso di riportare alla luce un periodo storico tra i più fecondi della storia dell’Umanità.

Per dare interezza al percorso immersivo nella storia civilizzatrice dei monaci irlandesi, diffusori di cultura ed evangelizzazione in Europa, è appena uscito’’ Born in the Emerald Ireland, Lit up the Black Forest – Irish Pilgrims in Europe and Germany“ la nuova pubblicazione in lingua inglese di Enzo Farinella per i tipi di Amazon-Kindle.

Dopo i precedenti volumi sul laborioso passaggio dei monaci, portatori di valori  divulgatori di cristianità nel centro dell’Europa dalla Svizzera, Austria, alla Francia, Italia, al Benelux … Enzo Farinella, nell’ultimo saggio continua a scandire la loro azione anche in Germania e lo fa partendo da una riflessione di Leonardo da Vinci: “Da tempo mi sono accorto che persone di statura raramente si sono tirate indietro e lasciato che gli avvenimenti le travolgessero. Esse invece sono andate fuori e li hanno affrontati”.

Chiediamo allora, al professor Farinella di soffermarsi su alcune riflessioni che appaiono nel suo nuovo libro, il cui punto centrale è, far uscire dall’oblio l’operato dei pellegrini d’Irlanda, attualizzarlo concretamente per un rinnovato processo di integrazione europea.   

Enzo Farinella : “I monaci e pellegrini irlandesi, hanno portato cultura, formazione e valori cristiani inGermania, Austria, Svizzera e nelle varie nazioni in cui hanno operato. Punto focale della loro rivoluzione furono la dignità della persona umana e la sacralità di ogni vita, principi che l’Unione Europea dovrebbe riscoprire oggi”, come ha dichiarato recentemente il Senatore irlandese, Ronan Mullen.

Tra loro ricordiamo, S. Colombano, “la colomba bianca”, che fu, 1.400 anni fa, il rappresentante più nobile dell’ascetismo irlandese e il più grande europeista del suo tempo, venne definito da Robert Schumann “il Santo Protettore di quanti stanno cercando di costruire un’Europa Unita”.

St. James Portal

S. Gallo, che dovette abbandonare Colombano in Svizzera, per malattia, creò uno dei più importanti centri di cultura e cristianità nel centro dell’Europa, punto di riferimento per cristiani e popoli di altre fedi. Si pensi all’importanza del monastero S. Giacomo di Regensburg o Ratisbona, creato dall’irlandese Marianus Scotus, da cui sono scaturite 12 altre comunità – tra cui il famoso monastero o Schottenstift di Vienna.

Simili centri furono cittadelle del sapere, vere università, per secoli.

Marianus ebbe un grande successo in Germania soprattutto come copista. Di lui un cronista del tempo scrisse: “E’ ammirevole e lodevole che abbia potuto scrivere di suo pugno il Vecchio e Nuovo Testamento, con note e commenti. E questo non una ma varie volte”.

Vienna’s University

Un suo manoscritto, il Codice 1247, si può ancora ammirare nella Biblioteca Imperiale di Vienna, non lontano dall’Università di Vienna, il cui charter di fondazione è stato sottoscritto da due monaci irlandesi, Donaldus e Clemens.  

Quando i monaci irlandesi vi lavorarono, Germania, Austria e Svizzera non esistevano come Nazioni e il loro territorio era soggetto a saccheggi e continue scorrerie di barbari. I monaci irlandesi comunque, con la loro opera convertirono molta gente di queste terre, arricchendola con la loro cultura e valori.

Oggi gli studiosi sono concordi nel riconoscere che essi hanno avuto una parte importante in questo processo, rafforzando la loro fede embrionica e modellando la potente e luminosa personalità del popolo germanico.

I monasteri creati da queste influenti personalità irlandesi sono divenuti, nelle parole di St. John Henry Newman, “il granaio del passato e il luogo di nascita del futuro”.

In verità, all’Irlanda va il merito di aver ispirato un movimento teologico, innovativo e di vasta portata culturale non solo in Germania, Austria e Svizzera, ma anche in altre nazioni europee. “I suoi figli, divulgando cristianità e sapere in Europa, divennero maestri di intere nazioni e consiglieri di Re e Imperatori”.

Purtroppo, dopo secoli di dominazione della piccola isola d’Irlanda e di tentata soppressione e distruzione del suo patrimonio culturale, i monasteri, fondati dagli irlandesi, sono stati soppressi e messi nelle mani degli scozzesi, che li hanno reclamati come opera di scozzesi, nati in Scozia. E così, la loro storia è passata in oblio”.

Faddan More Psalter, salterio cristiano altomedievale o testo del libro dei Salmi, scoperto in una torbiera nel luglio 2006, nella cittadina di Faddan More, nella contea settentrionale di Tipperary, in Irlanda

Il volume

 Born in the Emerald Ireland, Lit up the Black Forest – Irish Pilgrims in Europe and Germany – Nati nell’Irlanda dello smeraldo, hanno illuminato la Foresta Nera – Monaci irlandesi in Europa e Germania, appena pubblicato da Amazon-Kindle, in inglese.
Copertina del libro sui monaci Irlandesi nella foresta Nera.
L’originale è una sanguigna e tecniche miste su carta.


Copertina del volume sui monaci Irlandesi nella foresta Nera
L’originale è una sanguigna e tecniche miste su carta, a cura dell’artista @Pietro De Seta


Enzo Farinella, ex-collaboratore ANSA dall’Irlanda e corrispondente per la Radio Vaticana, già docente nell’Università di Dublino, è nato a Gangi in Sicilia.

Messaggero di Pace per le Nazioni Unite, Cavaliere della Repubblica Italiana, Priore d’Irlanda per l’Ordine Capitolare dei Cavalieri della Concordia, Membro dell’Accademia Zelantea, referente a Dublino dell’Associazione di Volontariato: I Cittadini contro le mafie e la corruzione, plurilaureato, è stato per 20 anni Addetto Culturale presso l’Istituto Italiano di Cultura di Dublino dove vive da molti anni.

Molte le sue conferenze sui legami tra Italia e Irlanda e in particolare sul lavoro dei monaci irlandesi nelle varie nazioni europee in Europa e in USA.

Il Prof. Enzo Farinella ha organizzato:

Alcune sue pubblicazioni sull’Irlanda:

Un’ombra sull’Europa – La tragedia dell’Irlanda del Nord – Roma 1990;

L’Irlanda: Terra di Magia – La cultura gaelica e l’Europa Unita – Catania, 1995;

Irish Italian LinksA long lasting friendship now at work in the EU; Italia-Irlanda: Un’amicizia secolare al lavoro nell’Unione Europea, Catania, 1997;

San Cataldo, an Irish Monk? Acireale-Roma 2002. 

      Twinnings between Ireland and Italy; Gemellaggi tra Italia e Irlanda –   Acireale-Roma, 2004.

      Cultural Links between Ireland and Sicily – Sicilia –Irlanda: Legami culturali, – Palermo, 2005

Italia – Irlanda: Cultura e valori, – Alle radici dell’umanesimo personalistico europeo; Ireland and Italy: Culture and valuesAt the roots of the European personalistic humanism, Szombathely, 2009

Sulle Strade del MondoMonaci irlandesi in Europa e in Italia. – On the Pathways of the WorldIrish Monks in Europe and Italy, Szombathely, 2015

Dall’Atlantico al MediterraneoSanti e Studiosi Irlandesi all’Origine della Storia Europea, Roma, 2015.

On the Summits of the Highest Love – Irish Monks in Europe and SwitzerlandAuf den Gipfeln der Hoechsten Liebe Irische Moenche in Europa und in der Schweiz, Troina (EN), 2017.

Through Mountains and Valleys – Irish Monks & Pilgrims in Europe & AustriaÜberBerge und durch Täler – Irische Mönche und Pilger in Europa und Österreich, Troina (EN), 2018.

From the Emerald Island to the Black ForestIrish monks at the Roots of European and German HistoryVon der Grünen Insel zum SchwarzwaldIrische Mönche an den Wurzeln der europäischen und deutschen Geschichte, Troina (EN), 2018.

Culture and Politics – Yesterday and Today – Irish Monks at the Roots of the European and French History – Culture et politique – Hier et Aujourd’hui – Les Moines Irlandais aux Racines de l’Histoire Européenne et Française, Troina (EN),  2019.

E-Books:

Dall’Atlantico al Mediterraneo, Appstore Apple “New Life Book”,

2015.

At the Roots of the History of Europe: Amazon, 2017

Italy and Ireland – Two Stars under the Sky of Europe, Amazon, 2020

Under the Sky of the ‘Fair’ IslandsIrish Pilgrims in Britain and Europe, Amazon, 2020

In the Land of TulipsIrish Pilgrims in Benelux and Europe, Amazon, 2020

Born in Ireland, Lit up Austria, Irish monks and Pilgrims in Europe and Austria, Amazon 2021

Time for ActionBonds between Italy and Ireland, Amazon 2021.

Born in Ireland, Lit up Switzerland – Irish monks in Europe and Switzrtland, Amazon, 2021.

Born in the Emerald Ireland, Lit up the Black Forest – Irish Pilgrims in Europe and Germany, Amazon 2022.

Enzo è sposato con Barbara; ha quattro figli: Santina, Gioacchino, Aisling ed Enzino Làszlò; e sei nipoti: James, Giulia, Franca, Skye, Olive-Elisa e Willow.

Email: enzo.farinella@gmail.com

www.enzofarinella.com

Stampa Articolo Stampa Articolo