Catania. Intelligenza artificiale: UCIIM Misterbianco conferenza educativa il 6 novembre

Catania – La scuola è chiamata a rivedere le strategie didattiche ed è evidente che il modo di apprendere delle nuove generazioni sta cambiando.

L’intelligenza artificiale (AI) sta portando profondi cambiamenti nella vita degli esseri umani e offre un potenziale enorme quando si tratta di migliorare la convivenza sociale e il benessere personale, aumentare le capacità umane e consentire o facilitare molti compiti che possono essere svolti in modo più efficiente ed efficace. Le trasformazioni attualmente in corso non sono solo quantitative ma qualitative, perché influenzano il modo in cui questi compiti vengono svolti e il modo in cui si percepisce la realtà e la natura umana stessa.

Compito della scuola è implementare la “saggezza digitale” al fine di fare buon uso della tecnologia, strumenti flessibili di mediazione che supportano la collaborazione e potenziano le capacità sensoriali e cognitive fondamentali per collaborare con gli altri.

Lo spazio dialogico oggi, anche con la didattica a distanza, esce fuori dalla scuola e mette ancor più in comunicazione gli studenti con il mondo del web.

“Non basta la semplice educazione all’uso corretto delle nuove tecnologie che non sono strumenti neutrali, perché plasmano il mondo e impegnano le coscienze sul piano dei valori.

C’è bisogno di un’azione educativa più ampia. Occorre maturare motivazioni forti per perseverare nella ricerca del bene comune, anche quando non ne deriva un immediato tornaconto”.

Queste considerazioni hanno guidato la scelta del tema dell’incontro inaugurale dell’anno sociale della sezione UCIIM di Misterbianco, guidata dalla presidente Letizia Spampinato.

 In collaborazione con il Rotary International di Misterbianco e l’UCSI di Catania venerdì 6 novembre avrà luogo una conferenza in rete, facendo riferimento al messaggio del Papa per un approccio etico all’intelligenza artificiale che “potrà essere un ponte per far sì che i principi se inscrivano concretamente nelle tecnologie digitali, attraverso un effettivo dialogo transdisciplinare”.

Lo sviluppo della ricerca ha bisogno delle forze di tutti: docenti, filosofi, psicologi e sociologi. I computer, infatti, mancano di etica e sulla scia del convegno “Intelligenza Artificiale: per una governance umana. Prospettive educative e sociali” svoltosi alla Pontifica salesiana di Roma, il dott. Nino Prestipino tratterà il tema “Rome call for AI Etichs”.

Ci troviamo in una società in cui domina l’algoritmo e impera l’algocrazia per cui abbiamo bisogno di etica che ha preso il nome di “algor-etica”.  Quest’affermazione di padre Paolo Benanti, sollecita la società, la scuola, la chiesa a fare scelte etiche orientate a lavorare sulla preparazione dei giovani non solo tecnica, ma anche sulla capacità critica di leggere, elaborare possedere la capacità di comprensione tecnologica, così da superare la frammentazione e arrivare alla trasformazione digitale del Paese con la guida di esperti dell’intelligenza artificiale.

 Interverranno i professori Marco Pappalardo e Alfredo Petralia, autori del volume “Educarsi ad educare al Web 30+1 riflessioni, consigli e idee per tutti”: studenti, docenti e genitori.

La conferenza educativa, coordinata da Agata Maria Scuderi, si terrà in modalità remoto su piattaforma Cisco, collegandosi 10 minuti prima dell’evento (16.50).

Sono previsti i saluti istituzionali della presidente nazionale UCIIM, Rosalba Candela; della presidente regionale, Chiara Di Prima; della sezione di Misterbianco Letizia Spampinato, del Governatore Rotary Alfio DI Costa, dei presidenti Rotary: di Misterbianco, Eugenio Ciancio; di Viagrande Carmelo Licciardello; dell’Interact di Viagrande Nati Nicotra; dell’UCSI di Catania, Giuseppe Adernò; dell’Uciim di Tremestieri, Agata Pennisi e del consulente ecclesiastico Don Nino Vitanza.

  Chi desidera l’attestato di formazione docente,  ai sensi della direttiva 170/2016  è invitato a compilare il modulo google  https://forms.gle/VgVuKGPCTvycwW2h9

Stampa Articolo