Emergenza Covid- Il mondo senza performers, è un mondo senza energia

Intervista a Valentina Ciardelli, contrabbassista e compositrice italiana che vive a Londra

La pandemia ha fermato il mondo e gli artisti sono i più colpiti da questo stato di disagio, infatti sono quelli meno tutelati dai governi Europei e meno tenuti in considerazione. Il problema si fa grande quando concerti musicali e spettacoli teatrali vengono bloccati.

Si parla di un total lack of respect for the arts.

I musicisti, in particolare, sono la categoria più fragile e che invece andrebbe supportata. Valentina Ciardelli, contrabbassista e compositrice della provincia di Lucca che da anni vive  Londra, ci spiega il perché.

La mia grande passione per la musica cameristica e solistica mi ha portata con fatica da musicista freelance e senza un agente alle spalle ad essere manager di me stessa, segretaria, PR, giornalista, musicista, coach, organizzatrice di viaggi e commercialista. Cosa che suonerà familiare a chi fa questo lavoro ma che i non addetti ai lavori, i politici, i potenziali investitori e fruitori della musica probabilmente non sanno.

Valentina come descriveresti il ruolo di un musicista?

I musicisti sono narratori, attori, maghi, poeti che riescono a smuovere attraverso il rituale della performance le emozioni più nascoste delle persone. Nella sala da concerto, in un pub, in un teatro siamo individui che scambiano e condividono un’energia legata a questo feeling. Alla base dell’esistenza di ogni essere umano ci sono le emozioni, senza queste, cessiamo di essere.

La musica ha enfatizzato l’energia che ha portato popoli, etnie, minoranze a tenere duro anche in situazioni di oppressione terribile. Valentina, che ruolo svolge la musica per te?

Basti pensare alla segregazione razziale americana e a come gli schiavi si siano fatti forza per secoli soprattutto attraverso la preghiera cantata e recitata. Nello sviluppo culturale, economico e sociale di un paese la musica è sempre stata fondamentale. Un esempio calzante a livello di impatto sociale è l’operato di grandissimi compositori come Vivaldi e Paisiello che, attraverso la loro arte negli ospedali femminili -orfanatrofi- del Settecento, contribuirono, e non poco, all’emancipazione artistica, uno fra tanti il ruolo delle cantanti d’opera. L’emancipazione dei musicisti nel ventunesimo secolo è non solo necessaria ma doverosa in un’ottica di rispetto, mantenimento e progresso della cultura.

La pandemia è arrivata come una tempesta per i musicisti. Pensi che dopo la tempesta arrivi il sole?

Me lo auguro. La pandemia ha portato alla luce del sole la scarsa considerazione verso la cultura e le arti performative, relegandole alle ultime della lista in quanto a supporto governativo. E se i teatri e i dipendenti di grandi enti ne sentono il giogo pesante che pressa spietatamente sulle loro teste, basti vedere come sono messe in ginocchio grandissime realtà italiane e internazionali, i musicisti freelancer hanno avuto, tranne che in pochi casi, la sferzata quasi mortale.

Ci stiamo confrontando con un’emergenza sanitaria del tutto nuova e su alcuni aspetti ancora poco chiara. È una problematica che tocca il mondo intero. E la musica?

 “E la musica è uno dei settori più gravemente impattati. Chi amministra, oltre a sottovalutare la materia artistica e performativa, pare non sia cosciente del valore e necessità di fruizione dell’arte da parte dei cittadini, rischia, con tale approccio, di portare alla conclusione che essa sia destinata a una componente elitaria della società e non accessibile a tutti. Purtroppo, l’arte diventerà un Tabù se non ci muoviamo ad adottare soluzioni concrete, perdendo l’energia vitale che la contraddistingue.

Vorrei lasciarti le ultime parole. Cosa vorresti gridare al mondo? Come diresti per difendere il diritto dei musicisti?

In questo momento storico, così come altri colleghi, colgo la visione di un’occasione per muovere un primo passo verso la valorizzazione e l’utilizzo della musica in funzione di creare ed energizzare forza nella società che sta vivendo una grande depressione sanitaria ed economica. Dare le basilari facilitazioni ai musicisti e a chi organizza eventi per tentare di ricominciare a mettere in pratica la loro vitale e importante sinergia, è ciò che socialmente è necessario anche se sembra, a oggi, superfluo. È importante dare delle facilitazioni ai musicisti e a chi organizza eventi, così come ne sono state date altre ad-hoc alle imprese di diversi settori come per esempio quello manifatturiero. Il diritto a viaggiare anche in una situazione di pandemia avendo esenzioni da quarantene e accesso a tamponi celeri; l’eliminazione o alleggerimento, anche temporaneo, di alcune tassazioni sulle performances; agevolare e snellire i processi organizzativi musicali che andrebbero a contribuire in maniera concreta e estremamente efficace a dare una spinta per far ripartire gli spettacoli dal vivo. Infine, l’inserimento dell’educazione musicale e artistica in tutte le scuole dalle primarie e secondarie, l’introduzione di corsi adeguati di self-management per musicisti nei conservatori e licei e una legge sulla tutela dei lavoratori dello spettacolo sarebbero cose necessarie per coronare questo viaggio di valorizzazione.

Se dovessi pensare a una citazione che racchiuda tutto quello che hai appena detto, in un’unica frase. Quale sarebbe?

Senza deviazione dalla norma, il progresso non è possibile di Frank Zappa.”

Stampa Articolo