Palermo: bene confiscato diventa Centro di educazione ambientale

Inaugurato lo scorso 31 luglio

Palermo, – Da residenza esclusiva di un noto imprenditore mafioso a Centro di educazione ambientale. È questa la nuova destinazione della stupenda villa sul mare confiscata alla mafia ad Altavilla Milicia e affidata dal Comune al Consorzio Ulisse. Martedì 31 luglio, presso il Centro culturale polivalente Cambio Rotta (Contrada Due Torri 99) si è tenuta l’inaugurazione di “Nemo”. Un progetto cofinanziato da Fondazione con il Sud il cui obiettivo principale è quello di valorizzare la straordinaria risorsa del mare, al fine di promuovere la cultura della legalità, il rispetto e la tutela dell’ambiente.

Durante la mattinata sono stati presentati, con delle dimostrazioni pratiche, i tre ambiti del progetto: Nemo Spazi Visuali, che permette ai visitatori, con l’ausilio di visori e tecnologie di ultima generazione, di vedere, muoversi e agire in ambienti marini simulati dal computer come se si trattasse di ambienti reali; Nemo Dive, dedicato alla realizzazione di attività e corsi di diving, snorkeling, visite guidate in barca e Nemo Kids, uno spazio ludico, ricreativo ed educativo rivolto ai minori.

L’inaugurazione si è conclusa con una degustazione di pietanze tipiche marinare locali, preparate dalla Scuola internazionale di cucina del Mediterraneo, che si trova proprio nei locali del Centro.

Stampa Articolo