120 CAPI DI STATO A NEW YORK ALLA CONFERENZA ONU SUL CLIMA

Presente anche il Premier Matteo Renzi

Foto:Matteo Renzi con Ban Ki-moon  Al Palazzo di Vetro di New York, si è svolto il 23 settembre un vertice straordinario promosso dalle Nazioni Unite sul tema dei cambiamenti climatici. Ciò in vista dei negoziati internazionali sul surriscaldamento climatico che dovrebbero portare ad un accordo internazionale nel 2015 a Parigi. Uno degli obiettivi sarà quello di stabilire in un quadro generale un accordo sulle emissioni di carbonio nel mondo. All’incontro, presieduto dal segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, hanno preso parte 120 capi di Stato e di governo, tra i quali il presidente Barack Obama, ma anche il premier italiano Matteo Renzi. Il vertice è stato preceduto da una mobilitazione globale, la “People’s Climate March”, la marcia promossa domenica scorsa nelle capitali di tutto il mondo. A New York hanno aderito alla marcia rappresentanti di oltre 850 associazioni ambientaliste e corredata da varie iniziative organizzate nelle capitali di tutto il mondo. La protesta ha voluto accendere i riflettori e sensibilizzare i governi sul tema e soprattutto sulla mancanza di risultati a livello mondiale relativi alla limitazione delle emissioni di carbonio. Molte capitali, tra cui New York stanno cercando di adeguarsi agli standard di efficienza energetica e di puntare alla riduzione delle emissioni di gas serra. In base all’ultimo rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale, (agenzia Onu) è emerso nel 2013 un nuovo record nella presenza di anidride carbonica e gas effetto serra nell’atmosfera terrestre, e si è anche registrato l’incremento più marcato degli ultimi 30 anni dei livelli di anidride carbonica, tra il 2012 e il 2013.

Stampa Articolo