- Paese Italia Press - https://www.paeseitaliapress.it -

Royal Wedding, il Si di Harry e Meghan alla Chiesa di St George al castello di Windsor

Pronunciata la formula matrimoniale , "I Will" (lo voglio) Harry di Inghilterra e Meghan Markle sono ufficialmente marito e moglie."You look amazing", "sei meravigliosa ha sussurrato il principe Harry a Meghan subito dopo la pronuncia del Si.La cerimonia è stata officiata dal decano del Decano di Windsor, David Connor. Gli sposi erano entrambi molto emozionati.  Dopo le note di un coro Gospel – che ha portato sotto le volte gotiche della chiesa di St George, al castello di Windsor, le note di Stand by Me – il principe Harry e Meghan Markle si sono promessi amore eterno, "nella buona e cattiva sorte, in ricchezza e povertà, in salute e malattia per ""amarsi e onorarsi finché morte non ci separi".

Prima l'uno e poi l'altra hanno pronunciato la formula di rito, guardandosi negli occhi. A quel punto si sono scambiati gli anelli "in segno del nostro matrimonio". E a quel punto l'arcivescovo di  Canterbury, Justin Welby, li ha proclamati "marito e meglio". erano le 12:39, le 13:39 in Italia. Michael Curry, primo afro-americano a guidare la Chiesa Episcopale americana, con il suo sermone alle nozze di Harry e Meghan ha conquistato tutti. Curry ha parlato del "potere dell'amore", citando per prima cosa Marthin Luther King: "Dobbiamo scoprire il potere dell'amore, il potere salvifico dell'amore e quando lo faremo renderemo questo vecchio mondo un mondo nuovo". Il pastore ha fatto riferimento anche alla schiavitù, sottolineando il potere curativo della musica spirituale cantata dagli schiavi.

Il principe Harry e Meghan Markle, da oggi duca e duchessa di Sussex, hanno lasciato la cappella di St. George al termine della cerimonia nuziale accompagnati dalle note dell'inno nazionale inglese. Gli sposi si sono baciati sulla scalinata della chiesa, quindi hanno sfilato tra la folla per le vie di Windsor a bordo di una carrozza e sono giunti al Castello per il ricevimento reale. L'abito con cui l'attrice americana Meghan Markle ha sposato il principe Harry d'Inghilterra è firmato da Clare Waight Keller, direttrice creativa di Givenchy. La scelta dell'attrice è caduta sulla stilista britannica, fa sapere Kensington Palace, per "l'estetica elegante e senza tempo e la fattura impeccabile" del suo stile. L'abito era  accompagnato da un velo lungo cinque metri, in tulle di seta, con ricamati tanti fiori quanti i 53 Paesi del Commonwealth. Lo sostenevano i gemelli, Brian e John Mulroney, 7 anni, figli di Jessica Mulroney, amica personale e wedding planner. La tiara in diamanti e platino prestata da Elisabetta II, era inizialmente una spilla della regina Maria ma fu trasformata in tiara nel 1932. Meghan, che indossava anche orecchini e un braccialetto in oro bianco e diamanti, aveva un bouquet con un tributo a Lady Diana: i suoi fiori preferiti, i 'non ti scordar di me'.

Il principe Harry, che indossava l'uniforme dei Blue royals, venerdì aveva raccolto fiori dal giardino privato di Kensington Palace da aggiungere al bouquet. 600 invitati da tutto il mondo Principi e principesse, eredi al trono, regine e reginette di Hollywood, attori, star della tv: 600 gli invitati alle nozze reali. Tra i primi ospiti ad arrivare nella cappella di st George, al castello di Windsor, è stata la star dello show-business americano, Oprah Winfrey.  Fasciata in un abito rosa pallido, la anchor-woman, amica personale della coppia, ha preso posto tra i banchi della cappella, accompagnata dall'attore e Dj britannico, Idris Elba. Un popolo in festa da tutto il mondo che sfoggia ogni sorta di look. Bambine con abiti in pizzo e coroncine in testa, per le signore cappellini, copricapo a falda larga, fiori, frutta, fiocchi di raso. Gli uomini più sobri. C'erano  anche l'attore americano George Clooney, con la moglie in completo senape, Amal, avvocatessa nota a livello internazionale e specializzata nella tutela di diritti umani. Tra i presenti anche il duca di Spencer, fratello di lady Diana, ricordata durante la cerimonia religiosa.