Civil Society Forum a Trieste: Proiezione del documentario “Trieste, Yugoslavia”

Il libero scambio è una delle precondizioni della libertà e sviluppo nelle conclusioni del dibattito post docu-film

Immagini: Rade Serbedzija

 

Trieste, 10 luglio 2017 – Al Civico Museo Revoltella di Trieste si è tenuta stasera  la proiezione del documentario “Trieste, Yugoslavia” di  Alessio Bozzer.

""Il film, presentato  per accogliere i partecipanti del Civil Society Forum, inserito nel  Vertice sui Balcani Occidentali che mercoledì 12 luglio, si svolgerà a Trieste, induce ad una riflessione sui rapporti tra la Repubblica Italiana e la Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia negli anni 1950, ed  illustra la cooperazione interstatale economica e l’ apertura delle frontiere tra i due stati con differenti  sistemi politici ed ideologie.

Prodotto da Aljazeera Balkans, Radiotelevisione Croata (HRT), Missart e Rai Cinema, il documentario fa un excursus nel  glorioso passato commerciale della città, quando il Ponterosso di Trieste era meta di gente che dalla Yugoslavia,  veniva attirata dal miraggio del capitalismo in cerca di blue jeans, caffè ed altri beni.

In quel tempo, la comunicazione tra i due stati era bidirezionale : la gente dalla  Yugoslavia veniva a comprare cose che non si potevano trovare nello stato del socialismo reale, ma anche gli Italiani guardavano al Paese iugoslavo come  alla porta aperta verso l’oriente che dal loro punto di vista,  un pò esotico e sconosciuto.

""Dopo la proiezione si è tenuta la discussione con Rade Serbedzija, attore, poeta e musicista Croato e uno dei protagonisti del docu-film ; Snjezana Prijic-Samardzija dell’ Università di Fiume e i membri del Center for Advanced Studies di Fiume Gruia Badescu e Marek Szilvasi.

I partecipanti  alla  discussione, con tutto il rispetto per la nostalgia per i tempi passati, hanno concluso che bisogna allontanarsi dalle emozioni, guardare meglio il presente ed alle opportunità per il migliore futuro della regione. Le precondizioni della libertà sono il libero scambio come sistema di commercio.

Stampa Articolo