Migranti, Austria: chiudere rotta Italia – Il tempo dei lasciapassare è già finito

A Idomeni 12 mila profughi attendono di poter continuare il viaggio verso la Mittleuropa - Paura epidemie per due casi di epatite A

Immagine: Il campo profughi di Idomeni

 

di Redazione 

 

Per il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz, il modello fornito dalla chiusura della rotta balcanica va seguito anche sulla rotta che potrebbe portare i profughi in Italia: "Il traffico di migranti non si ostacola facilmente", dice ai media locali. "Dovremo fare tutto quello che abbiamo fatto lungo la rotta balcanica anche lungo la rotta Italia-Mediterraneo, in modo che sia chiaro che il tempo del lasciapassare verso la Mitteleruopa è finito, qualsiasi sia la rotta". 

 

Si apprende, intanto che aIdomeni, il campo in territorio greco al confine con la Macedonia, dove circa 12 mila migranti e profughi attendono ancora di poter continuare il viaggio verso l'Europa occidentale, nonostante la chiusura delle frontiere lungo la rotta balcanica, si temono epidemie dato che a due migranti è stata diagnosticata l'epatite A. Una bambina siriana di 9 anni è già in cura, Un altro paziente è stato condotto in ospedale.      

 

Malgrado i ripetuti appelli delle autorità greche, solo poche centinaia di migranti hanno accettato finora di trasferirsi nei centri di accoglienza, ciò mentre nella tendopoli si registra la nascita di un bambino.      

Stampa Articolo