Turchia, scontri mortali nella manifestazione di solidarietà contro l’omicidio dell’avvocato curdo Tahir Elci

Tensione anche a Istambul in un corteo di 2000 persone

Immagine: Tahir Elci 

 

Turchia – L’uccisione del capo degli avvocati curdi locali Tahir Elci avvenuto a  Diyarbakir,nel sud-est della turchia a maggioranza curda,  ha causato scontri violenti nei cortei di solidarietà, tra forze dell’ordine e manifestanti.  La polizia ha affrontato la calca con cannoni d’acqua, disperdendo centinaia di persone che solidarizzavano contro l’omicidio dell’avvocato curdo.

""Alta tensione  anche a Instanbul dove un corteo di circa 2mila persone partito da Piazza Taksim ha attraversato la città.

Tahir Elci , molto noto in Turchia,  era stato arrestato per aver sostenuto durante una trasmissione tv di non considerare il Pkk un'organizzazione terroristica come ritenuto invece ad Ankara , e poi rilasciato in attesa di giudizio il mese scorso.  

L'ambasciatore Usa ad Ankara, John Bass, si è detto "scioccato e profondamente addolorato" per l'uccisione dell’avvocato.

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha detto, quanto per  la Turchia  è determinante combattere contro il terrorismo, lo dimostra questo incidente “.

 

Stampa Articolo