Catania. Il Tricolore all’Ospedale San Marco, dono dei Cavalieri della Repubblica

Catania, aprile 2021 – Per iniziativa degli Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica giovedì 22 aprile è stata consegnata la Bandiera Tricolore al Presidio Ospedaliero “S. Marco”.

Il presidente dell’Ancri, Gr Uff. Giuseppe Adernò,  nel consegnare la bandiera, benedetta dal Cappellano Padre Orazio Catarraso,  ha espresso al Personale sanitario dei Reparti Covid della città di Catania  la gratitudine ed il vivo apprezzamento per il lodevole e generoso servizio  offerto durante la pandemia.

Molti sono i cittadini che, grazie alle cure ricevute al San Marco hanno superato le conseguenze del contagio Covid -19  e il gesto simbolico del dono della Bandiera ha il valore di un “Grazie” da parte di tutta la cittadinanza.

L’aver affrontato con coraggio, dedizione e professionalità il malefico virus che ha seminato tante vittime, è  certamente merito del Personale Medico e sanitario e si auspica di uscire presto dalla disastrosa crisi pandemica.

Il  Direttore generale del Policlinico, Gaetano Sirna, e la  dott.ssa Anna Rita Mattaliano , direttore medico  del Presidio “San Marco” hanno ringraziato l’ANCRI e i Ragazzi Sindaci per questo graditissimo dono ed il Tricolore nell’hall dell’Ospedale è simbolo dell’unità nazionale e dei valori di fede, pace, e amor Patrio.

Alla cerimonia,  svoltasi nel rispetto delle norme Covid,  programmata in occasione dei 160 anni dell’Unità d’Italia ed ora,   in preparazione al 25 aprile,  è  intervenuta una ristretta delegazione dei Cavalieri della Repubblica composta dal vice presidente  Cav. Francesco Zaccà, dal Segretario  Cav. Salvo Vicari, e dal consigliere Cav. Marcello Tringali.

In rappresentanza del presidente  del Comitato Consultivo Aziendale, Pieremilio Vasta è intervenuto  il dott. Salvatore Mirabella insieme   alla prof.ssa Maria Genchi   della “Rete Civica della Salute “

 Molto apprezzata  è stata la partecipazione dei   Ragazzi Sindaci, Diana Giuffrida di Motta S Anastasia,  e  Ginevra Ferlito della Scuola Martoglio di Belpasso.

Stampa Articolo