Sistemi sanitari: gli assessori Armao, Razza e Grasso a Messina

Nel pomeriggio di venerdì 2 febbraio al Teatro Vittorio Emanuele l'incontro dell'Università telematica Pegaso

Immagini: Gaetano Armao, Ruggero Razza e Bernardette Grasso.

 

MESSINA –  Sicurezza nelle guardie mediche e nelle carceri, maggiore velocità nelle liste d'attesa, efficenza dei sistemi informatici, accorpamento degli ospedali, revisione della spesa sanitaria, "migrazioni" verso altre Regioni: sono alcuni dei temi scottanti al centro dell'attenzione nell'incontro di domani pomeriggio (venerdì 2) al Teatro Vittorio Emanuele che vedrà protagonisti il vicepresidente della Regione e assessore all'Economia Gaetano Armao insieme con gli assessori alla Sanità ""Ruggero Razza e agli Enti locali ""Bernardette Grasso. L'iniziativa, voluta dall'Università telematica Pegaso, ha l'obiettivo di approfondire problematice complesse che riguardano medici, infermieri, operatori sanitari, ma soprattutto utenti-pazienti. 

 

Interverranno i cinque neo-deputati regionali della Commissione Sanità dell'ARS Elvira AmataTommaso CalderoneFranco De DomenicoAntonio De LucaPino Galluzzo e il presidente nazionale della FNOMCeO (federazione che raggruppa gli Ordini dei medici d'Italia) Filippo Anelli. Dopo i saluti istituzionali e l'introduzione di Nanni Ricevuto, le relazioni di Gustavo Barresi (AIOP, associazione italiana ospedalità privata), Dino Bramanti (Consiglio superiore di sanità); a seguire, i manager ospedalieri Angelo Aliquò (IRCCS Neurolesi), Maria Letizia Di Liberti (Papardo), Gaetano Sirna (ASP), Michele Vullo (Policlinico) e il mondo infermieristico rappresentato da IPASVI con Nino Trino. Moderatori il presidente dell’Ordine dei medici e odontoiatri di Messina Giacomo Caudo e il giornalista Massimiliano Cavaleri. 

 

Durante la mattinata, Armao incontrerà alle 11 il sindaco Renato Accorinti a Palazzo Zanca; alle 12, nella sede della Camera di commercio, vedrà responsabili di enti, imprenditori e rappresentanti sindacali per avere un quadro di insieme sulle maggiori problematiche che interessano la Città e l’area metropolitana. 

 

                                                          ""

 

Stampa Articolo