Aba Catania, progetto Saint Agata: l’Arte a beneficio dei pazienti. Prolungato preview

In attesa della grande mostra per il ventennale, fino al 15 di febbraio nell’Istituto Humanitas costumi e abiti creati in onore della Patrona dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Catania. E l’otto febbraio l’incontro tra la presidente di Aba e il dg della struttura sanitaria per parlare di borse di studio

I

Catania, 31 gennaio 2022 – Dopo il talkdel 28 gennaio, è stato deciso di allungare fino al 15 febbraio, nell’Istituto clinico in Contrada Cubba a Misterbianco, Humanitas Agata, anteprima, che prende il via domani, della grande mostra di abiti e costumi dedicati alla Patrona nel ventennale del progetto Saint Agata dell’Accademia di Belle Arti di Catania.

“In attesa di quest’evento – ha annunciato la presidente Lina Scalisi – previsto per la prossima primavera in un luogo prestigioso di Catania, con l’Istituto abbiamo pensato a questa preview con finalità che sono anche sociali ed educative. E l’otto febbraio prossimo, data in cui l’anteprima avrebbe dovuto concludersi, nella sede di Humanitas Istituto Clinico Catanese discuteremo, con il direttore generale dell’importante collaborazione intrapresa e che prevede tra l’altro l’assegnazione di borse di studio ai nostri allievi”.

“L’Arte – ha detto Giuseppe Sciacca, dg di Humanitas– entra in Istituto a beneficio dei nostri pazienti e del personale. Uno studio condotto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha indagato nella letteratura scientifica esistente le evidenze sul ruolo delle arti nella sfera della salute, del benessere della persona e anche della prevenzione”.

“È stato dimostrato – ha sottolineato – che le attività artistiche, quali ad esempio pittura, scultura, teatro, influenzano la sfera delle emozioni, riducendo lo stress, migliorando lo stato di salute mentale e attenuando i fattori di rischio per le patologie tumorali”.

Ogni anno dal 2002 la docente di Aba Catania Liliana Nigro organizza con gli allievi dei corsi di Fashion design e di Scenografia, appartenenti alla cattedra di Costume per lo Spettacolo dell’Accademia, mostre e sfilate di abiti e costumi teatrali che hanno avuto un grande riscontro popolare e non solo, offrendo una visione sempre nuova del culto della Patrona.

“Quest’anno – ha spiegato il direttore Gianni Latino – in un periodo in cui le Accademie non svolgono attività in presenza, la stessa professoressa Nigro con un’altra docente di Aba Catania, Viviana Santanello, hanno approntato l’anteprima Humanitas Agata anche per colmare il vuoto che i Catanesi avvertono forte per la mancanza della festa”.

“Nel corso del talk del 28 gennaio – ha detto Liliana Nigro – si è parlato del potere curativo dell’immagine con alcuni maestri della fotografia, docenti di Aba, come Carmelo Bongiorno, Carmelo Nicosia e Armando Romeo Tomagra, con Carmen Cardillo ed Egidio Liggera. Ora l’allungamento di quest’anteprima, simbolo di difesa della donna”. 

Stampa Articolo Stampa Articolo