Domani e domenica il Teatro Vascello in diretta youtube

In scena virtuale lo spettacolo di Rezza e Mastrella

Domani alle 21.00 e domenica 13 dicembre alle 18 andrà in diretta live sulla pagina del Teatro Vascello di YouTube l’evento di Antonio Rezza e Flavia Mastrella. Così in una nota stampa il Teatro. 

Antonio Rezza e Flavia Mastrella, artisti che vivono arroccati sulle nuvole oggi più che mai a tutela dell’arte anarchica e poetica- spiega la nota sul progetto artistico- rispondono all’assenza forzata dai palcoscenici, incontrando, per 2 giorni e in esclusiva nel teatro Vascello il loro pubblico, nella dimensione virtuale quale segno di riconoscenza e rispetto per l’impegno che unisce il teatro, Rezza Mastrella e gli spettatori da quasi vent’anni; una missiva che arriva dall’etere. Ma ci si domanda da subito se questo intervento sia un segno della loro imponderabilità o semplicemente un messaggio verace che verrà solo veicolato attraverso il mezzo del Live Streaming. Sarà certamente una Live scoppiettante, come d’altronde è sempre il loro lavoro, imprevedibile per la responsabilità di stupire che li ha sempre contraddistinti, quali artisti che non si sono mai smentiti. Un linguaggio che conserva, come in tutte le loro opere, quel sapore di ironia che trattiene la drammaticità che cova dentro l’individuo.

Due serate che saranno trasmesse in diretta dai vari canali del Teatro Vascello in live a cui ci si dovrà prenotare tramite email promozioneteatrovascello@gmail.com.

Come è avvenuto per i giovani talenti che il Teatro Vascello sta sostenendo in questi mesi di pandemia (Fabiana IacozzilIi, Leonardo Manzan e Martina Badiluzzi) i due nostri amici avranno “carta bianca”- conclude la nota- e la possibilità di presentare il loro lavoro, nell’ambito del teatro, del cinema, della letteratura e dell’arte figurativa in live streaming dal palcoscenico del Teatro Vascello; un happening d’arte di un’ora circa per dare voce agli artisti in un momento così difficile. Per sostenere l’attività del Teatro Vascello  si può fare una donazione a La Fabbrica dell’Attore onlus.

Stampa Articolo