- Paese Italia Press - https://www.paeseitaliapress.it -

Prima mostra di Julia Bornefeld a Milano: Resilienza, mitologia e viaggio. 7 ottobre Live Streaming ore 19

– 7 ottobre 2020 – Inizio Live Streaming ore 19.00
– Per partecipare al vernissage digitale clicca qui
– La mostra visitabile su appuntamento dall’ 8 ottobre 2020 al 13 novembre 2020 | Per visitare la mostra scrivere a: gaggenau@designelementi.it; infocramum@gmail.com | Lo spazio assicura il rispetto di tutte le norme di sicurezza richieste dalla legislazione vigente.

………………………

In concomitanza con la Milano Design City, Gaggenau e Cramum inaugurano il 7 ottobre, con un vernissage digitale in live streaming alle ore 19.00, “LEDA E IL CIGNO NERO”personale dell’artista tedesca Julia Bornefeld, a cura di Sabino Maria Frassà.
 
LA MOSTRA
La mostra è la terza del ciclo “On-Air. il Presente È il Futuro Del Passato”, progetto artistico e culturale che animerà lo spazio del noto brand tedesco di luxury design per tutto il 2020, e realizzata in collaborazione con CRAMUM e DesignElementi.
 
GLI APPUNTAMENTI VIRTUALI
L’inaugurazione digitale in live streaming è aperta a tutti e per gli ospiti che si collegheranno sarà possibile inviare domande ad artista e curatore e visitare la mostra in anteprima attraverso un tour virtuale 360° ricco di contenuti video esclusivi.
7 ottobre 2020 – Inizio Live Streaming ore 19; Per partecipare al vernissage digitale clicca qui

L’ARTISTA
“Julia Bornefeld è l’artista dell’indefinito e dell’indeterminazione, maestra nel sintetizzare e far coesistere la razionalità e il peso della materia con l’irrazionalità e la leggerezza del pensiero,” spiega il curatore Sabino Maria Frassà.  .
 
Julia Bornefeld ha deciso di raccontare attraverso le piume protagoniste della mostra la fragilità e la resilienza dell’umanità di fronte alle avversità: al fianco di opere storiche lo spettatore potrà scoprire un corpo di opere inedite, realizzato durante il lockdown, in cui l’immagine del cigno nero – l’evento inatteso che stravolge tutto – si fonde con il mito di Leda, simbolo di una donna e di un’umanità che sa reagire e andare avanti.
 
L’artista spiega con queste parole la mostra e la sua filosofia di vita: “Il nostro vivere è un inarrestabile viaggio senza alcuna meta prestabilita. L’unica cosa che possiamo fare è imparare a viaggiare con valigie leggere e con un ombrello che ci protegga permettendoci di continuare a camminare”.

La mostra sarà anche visitabile su appuntamento dall’8 ottobre 2020 al 13 novembre 2020