Domenico Interdonato a Rai Italia Community l’Altra Italia per Progetto Sicilia nel mondo

Il giornalista è stato intervistato da Benedetta Rinaldi

Roma –  Domenico Interdonato  direttore di “Progetto Sicilia nel Mondo” ideato da “L’Aquilone”, associazione  Onlus di Messina, è stato ospite del programma tv “Rai Community”, condotto da Benedetta Rinaldi e Alessio Aversa.“Community l’Altra Italia” è un programma Rai ricco di contenuti, dedicato agli italiani che vivono all’estero. Il programma è di fatto un contenitore di diverse rubriche con ospiti e filmati da quei Paesi dove la presenza degli italiani è più forte. Il direttore Interdonato, intervistato dalla conduttrice Benedetta Rinaldi, ha parlato dell’Associazione “L’Aquilone” Onlus e del “Progetto Sicilia nel Mondo”, dedicato ai siciliani, che ha l’obiettivo di mettere in connessione tutte le realtà siciliane sparse per il mondo, utilizzando la comunicazione e di riflesso i media, con il supporto dei social. Quando è nato “Progetto Sicilia nel Mondo” e con quali finalità? “Il ‘Progetto Sicilia nel Mondo’ dell’Associazione ‘L’Aquilone’ Onlus è nato a inizio anno e si prefigge, con la sua azione, di tenere in vita i legami storici e culturali con la Sicilia, degli oltre 8milioni di siciliani sparsi nei cinque continenti utilizzando la comunicazione e i social. Inoltre, abbiamo anche lo scopo di promuovere le donazioni alla nostra Associazione, linfa vitale per i progetti. Il progetto è curato da me, dal presidente Rosario Lo Faro e dalla dinamica coordinatrice Carmen Intile”. Avete dichiarato di voler creare rete tra tutti i siciliani nel mondo, compresi i giovani “digitali” e gli emigranti della terza età: in che modo? “Ascoltiamo la voce dei siciliani e diamo loro la giusta attenzione mediatica. Vogliamo continuare i legami storici e, allo stesso tempo, cercare nuove strade da percorrere per mettere in rete i siciliani, rivolgendoci anche ai tanti giovani ‘Digitali’ che si trovano all’estero per lavoro o studio, senza trascurare i nuovi migranti della terza età”. Tra i vostri strumenti, anche il giornale “FiloDirettoNews”, di cui lei è direttore: quanto spazio avranno le storie dei siciliani nel mondo? “Il Giornale “FiloDirettoNews” è a disposizione di tutti i siciliani e continuerà a ospitare i vari contributi, nella rubrica ‘Progetto Sicilia nel Mondo’, una rubrica che già contiene tanti articoli interessanti. Per quanto riguarda le attività culturali e associative, a noi arrivano le bozze di articolo con foto e noi li tramutiamo in pezzi da pubblicare e poi da inviare come comunicato alle agenzie di stampa. Poi, c’è il gruppo social a cui si può chiedere l’iscrizione ‘Progetto Sicilia nel Mondo’, qui la condivisione è palese e immediata”. Avete molti sostenitori in ogni parte del mondo, anche personaggi illustri: chi vogliamo citare? “Sì, abbiamo dei sostenitori, privati, aziende, enti e associazioni; il più importante è Mr Stephen Roy, magnate americano di Boston”. I prossimi progetti quali saranno? “Nell’immediato, stiamo incrementando i contatti, con l’aiuto dei social e di tutto ciò che comunica: giornali web, radio, tv, web tv. In prospettiva, stiamo realizzando progetti turistici culturali di ampio respiro, per far conoscere l’enorme patrimonio storico, artistico e culturale isolano, perché, oltre a dialogo, ci proponiamo di dare anche dei servizi. Rai Community ha una programmazione settimanale che va da lunedì a venerdì nei seguenti continenti e orari: – Americhe-New York e Toronto: dalle ore 17.45; – Argentina, Buenos Aires: dalle ore 18.45; – Brasile, San Paolo: dalle ore 18.45; – Rai Italia 2 Australia e Asia, Cina Pechino: dalle ore 13.30; – Australia Sidney: dalle ore 15.30; – Africa Johannesburg: dalle ore 18.15”.

Stampa Articolo