Il MAXXI di Roma presenta: Extraordinary Visions. L’Italia ci Guarda – fino al 23 ottobre

40 maestri della fotografia e 150 immagini raccontano il Bel Paese tra bellezza, contraddizioni e uno sguardo al futuro

Immagine: Un momento dell'apertura della mostra L’Italia  ci guarda al Maxxi di Roma presente il ministro dei Beni culturali Franceschini.

 

Il MAXXI presenta una collettiva con gli scatti dei maggiori fotografi italiani e internazionali che hanno posato il proprio sguardo sul nostro Paese: un "atlante" poetico e allo stesso tempo documentario, sociale e istituzionale, dell'Italia degli ultimi decenni che racconta paesaggi sublimi e compromessi dal degrado, città ideali e periferie abusate, architetture d'autore e spazi urbani ai margini.
Il percorso di mostra si articola in quattro sezioni, arricchite da video, photoscreening e da un focus alle ricerche che contaminano i linguaggi del video e della fotografia. Inoltre il MAXXI ha aderito al progetto speciale Inside Out di JR con il lavoro Costruiamo la comunità del XXI secolo, a cura del MAXXI Educazione: un caleidoscopio di ritratti "multietnici" di grande espressività, frutto di un workshop con la scuola Guido Alessi, installati sulla facciata esterna della "Palazzina D", nella piazza del Museo.

I FOTOGRAFI:
Paola Agosti, Alterazioni video, Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Gianni Berengo Gardin, Massimo Berruti, Tommaso Bonaventura, Alessandro Imbriaco e Fabio Severo, Michele Borzoni, Andrea Botto, Silvia Camporesi, Giovanni Chiaramonte, Gianni Cipriano e Simone Donati, Mario Cresci, Tano D'Amico, Paola De Pietri, Franco Fontana, Giovanni Gastel, Luigi Ghirri, Guido Guidi, Francesco Jodice, Mimmo Jodice, Giuseppe Leone, Erich Lessing, Armin Linke, Ugo Mulas, Walter Niedermayr, Petra Noordkamp, Paolo Pellegrin, Massimo Piersanti, Mustafa Sabbagh, Ferdinando Scianna, Mario Spada, Hiroshi Sugimoto, Massimo Vitali, Francesco Zizola, Begoña Zubero Apodaca.

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo 
Roma, Via Guido Reni 4A 
www.fondazionemaxxi.it

Stampa Articolo