User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Cosa possiamo sapere della popolazione e della forza lavoro dell'UE nel 2060?

Mentre la predizione del futuro è irta di rischi, le tendenze demografiche offrono uno sguardo al futuro in una nuova relazione del Centro comune di ricerca della Commissione europea


:: Uno Sguardo all' Europa

Gio 06 Giugno 2019 - 23:01


Immagine Principale



Bruxelles - Il 4 giugno, il Centro comune di ricerca e l'Istituto internazionale per l'analisi dei sistemi applicati hanno lanciato una relazione congiunta sui futuri dati demografici dell'UE.Analizzando fattori quali la migrazione, i livelli di istruzione e la partecipazione alla forza lavoro, la relazione va oltre la tradizionale analisi demografica per fornire una serie di scenari che rivelano come questi fattori possano modellare la futura popolazione e il mercato del lavoro dell'UE. 

Risultati chiave Grazie ai progressi della medicina e alla qualità della vita, gli europei possono aspettarsi vite più lunghe, più sane e più attive. L'aspettativa di vita media alla nascita nell'UE è ora di circa 81 anni - 9 anni in più rispetto alla media globale, e si prevede che cresca di due anni ogni decennio. Questa tendenza significa anche che entro il 2060 oltre il 30% della popolazione dell'UE avrà più di 65 anni, rispetto al 19% di oggi. L'UE vanta inoltre una forza lavoro ancora più istruita in futuro, con il 59% della forza lavoro che raggiunge l'istruzione post-secondaria rispetto al 35% di oggi. Benché meglio istruiti, la futura forza lavoro dell'UE sarà più piccola. Ciò significa che i lavoratori europei dovranno sostenere più persone a carico in futuro, sottoponendo i sistemi sociali dell'UE a una maggiore pressione. Il rapporto analizza possibili scenari per migliorare il rapporto di dipendenza e quindi la sostenibilità degli stati sociali dell'UE. Il quadro che emerge è chiaro: aumentare la partecipazione alla forza lavoro, in altre parole garantire che una parte più consistente della popolazione in età lavorativa sia effettivamente occupata, è necessaria per alleviare l'onere della dipendenza. Se tutti gli Stati membri dell'UE raggiungessero i tassi di partecipazione alla forza lavoro di quelli con le migliori prestazioni, il rapporto di dipendenza nel 2060 potrebbe rimanere lo stesso di oggi. Ottenere una quota più elevata della popolazione nel mondo del lavoro è essenziale perché né l'immigrazione né la maggiore fertilità in sé sarebbero sufficienti per affrontare le sfide future.


Nella misura in cui l'UE è una regione di destinazione per la migrazione internazionale, l'immigrazione diventa un fattore influente sugli sviluppi demografici. I livelli di migrazione possono avere una grande influenza sulla dimensione totale della popolazione e sulla dimensione della forza lavoro. Allo stesso tempo, non può sostanzialmente rallentare l'invecchiamento e può solo migliorare il rapporto di dipendenza in una certa misura. I fattori che influenzeranno queste tendenze sono il volume di immigrati provenienti da paesi terzi, il loro livello di istruzione, la loro integrazione nel mercato del lavoro e la società in generale. La mobilità all'interno dell'UE è un altro fattore chiave per i futuri dati demografici dell'UE, in particolare i movimenti verso l'Occidente. Alcuni paesi dell'Europa orientale e meridionale hanno già registrato una marcata diminuzione della popolazione. Se la tendenza persiste, alcuni potrebbero vedere la loro popolazione ridursi ulteriormente entro il 2060. L'emigrazione delle persone in età lavorativa porta anche ad un invecchiamento accelerato della popolazione e alla perdita di lavoratori per lo più qualificati, aumentando così l'onere sui sistemi di sicurezza sociale. Infine, la relazione analizza il quadro globale e rileva che la crescita della popolazione mondiale continuerà, soprattutto in Africa e in Asia. La promozione dell'istruzione è la chiave per ottenere una crescita della popolazione più moderata e il successo dello sviluppo. Raggiungere tali obiettivi dipende, in particolare, dal dare alle ragazze accesso all'istruzione, poiché l'istruzione e la pianificazione familiare sono strettamente intrecciate. Se l'espansione dell'istruzione continua come negli ultimi anni, la popolazione mondiale raggiungerà i 9,6 miliardi di persone nel 2060. Sfida scoraggiante ma risolvibile Gli autori del rapporto sottolineano che mentre questi cambiamenti possono sembrare scoraggianti, non pongono problemi irrisolvibili alle nostre società. L'invecchiamento della popolazione ha una popolazione più sana e attiva che è in grado di condurre vite produttive, attive e piacevoli oltre i 65 anni. L'aumento della partecipazione alla forza lavoro in generale, anche di coloro che hanno più di 65 anni e di immigrati provenienti da paesi terzi, può stabilizzare le dimensioni della forza lavoro e ridurre il carico di dipendenza.


Inoltre, una forza lavoro più altamente istruita ha maggiori probabilità di essere in grado di sfruttare i vantaggi dell'automazione e dell'intelligenza artificiale e di adattarsi a un mondo di lavoro in evoluzione. Il rafforzamento degli sforzi già in corso dell'UE per promuovere la coesione economica e sociale tra i paesi dell'UE può rallentare l'emigrazione e facilitare la migrazione di ritorno verso i paesi dell'Europa orientale e meridionale. In questo contesto, va osservato che i recenti sforzi dell'UE per stimolare l'innovazione, gli investimenti e le riforme strutturali stanno dando i loro frutti, con effetti diretti sui livelli di occupazione e sui tassi di attività già in corso. Dalla metà del 2014, l'UE ha creato circa 13,4 milioni di posti di lavoro. Con circa 241 milioni di donne e uomini nel mondo del lavoro, l'occupazione nell'UE ha raggiunto livelli record nel primo trimestre del 2019. La Commissione europea ritiene che l'ulteriore attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali sia fondamentale per continuare a migliorare le condizioni di vita e di lavoro in tutta l'UE e per aumentare l'integrazione di tutte le parti della società sul mercato del lavoro.

 

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Gio 06 Giugno 2019 - 23:01





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS