User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

:: Magazine

Carta dei Comuni Custodi della Macchia Mediterranea: nuove adesioni di Roccafiorita e Pagliara nella provincia di Messina

La Carta dei Comuni Custodi della Macchia Mediterranea, sorge in Sicilia e rappresenta un “Patto d’Onore” per la valorizzazione delle specificità territoriali e paesaggistiche oltre che un invito ad unire gli intenti tra le diverse Amministrazioni locali nella elaborazione di programmi a tutela del ricco patrimonio naturalistico presente, soprattutto, sul territorio regionale (“hotspot” o punti caldi di biodiversità).

di Annalisa Crupi


:: Rubrica

Dom 14 Aprile 2019 - 23:31


Immagine Principale



Continuano le adesioni alla Carta dei Comuni Custodi della Macchia Mediterranea: www.cartamacchiamediterranea.it, in Provincia di Messina, le ultime sono quelle dei Comuni di Roccafiorita e Pagliara.

 

Per Macchia Mediterranea si intende un ecosistema dalla  formazione vegetale arbustiva costituita tipicamente da specie sclerofille, tipica delle terre che si affacciano sul Mar Mediterraneo (Sud Europa, Nord Africa e Medio Oriente). Testimone dell’ecosistema mediterraneo  è un progetto che punta ad organizzare in rete i Comuni  “Custodi” di una importante riserva mondiale di biodiversità che accoglie più del 20% delle specie vegetali e animali ad oggi conosciute.

 

La Carta dei Comuni Custodi della Macchia Mediterranea, sorge in Sicilia e rappresenta un “Patto d’Onore” per la valorizzazione delle specificità territoriali e paesaggistiche oltre che un invito ad unire gli intenti tra le diverse Amministrazioni locali nella elaborazione di programmi a tutela del ricco patrimonio naturalistico presente, soprattutto, sul territorio regionale  (“hotspot” o punti caldi di biodiversità).

La tutela della Macchia Mediterranea è dettata dalla necessità di attuare una selvicoltura di prevenzione per limitare e regolamentare lo sfruttamento antropico, contrastare gli incendi (prevalentemente dolosi) ed altri abusi. Il progetto, persegue anche strategie finalizzate alla mitigazione dei cambiamenti climatici (siccità e desertificazione, in particolar modo) e al potenziamento e ripristino della suddetta cenosi vegetale in un’ottica anche di assorbimento della CO2.

 

I Comuni siciliani che hanno inizialmente aderito alla Carta sono: Caltagirone, Palermo, Messina, Noto, Niscemi, S.Teresa Riva, Floresta, Gela, Licodia Eubea, Palazzolo Acreide, Montelepre, Castelbuono, Caltanissetta, Gela, Castel di Judica, Bolognetta (Pa), ed altri successivamente si sono aggiunti. Fanno anche parte al documento, il Parco dei Nebrodi e diverse Riserve e  Associazioni (INU, AIPIN, Federtrek, MdF, etc).

  Tra quelli prima indicati il Comune di Bolognetta (Pa), aderente alla Carta, ha ottenuto il finaziamento per un importante progetto finalizzato alla creazione del “Museo del Gusto” con percorsi di formazione e inclusione socio lavorativa in favore di giovani di età compresa tra i 14 e i 25 anni a rischio di devianza e/o sottoposti a procedimenti  penali presi in carico dagli Uffici di Sevizio Sociale Minorile e dall'Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Palermo, attraverso l’istituto della messa alla prova.  

Il “Museo del Gusto” si integrerà alle risorse etno-antropologiche  e culturali già esistenti  nel territorio, come ad esempio la casa museo denominata “Casa contadina”, lo Sportello “Turistico” creato e finanziato dalla Misura 313 " Incentivazione di attività turistiche" è attuata sulla base del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sicilia (PSR Sicilia) 2007/2013 - azione A "Infrastrutture su piccola scala per lo sviluppo degli itinerari rurali".

Video : il commento del sindaco di Bolognetta (Pa) sull'ottenimento del finanziamento per il Museo del Gusto a Bolognetta: https://www.facebook.com/comunedibolognetta/videos/768157476919031/

Con molta probabilità a questi progetti potranno essere collegate le attività dell’Associazione Centro Educazione Ambientale (CEA) Messina onlus, con l’avvio di  sinergie con gli organismi  di riferimento: Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia, Slow Food Sicilia, Laboratorio InFEA, IRSSAT, Orto Botanico di Palermo e Stazione Consorziale Sperimentale di Granicoltura per la Sicilia con cui si sono da sempre intraprese azioni strutturali virtuose nei rispettivi settori di competenza. 

 

Contesto  

La Carta dei Comuni Custodi della Macchia Mediterranea, arriva dopo un incontro per la promozione di  un Percorso di Educazione ambientale, mirato a sensibilizzare Istituzioni e cittadini sulla tutela della Macchia Mediterranea, tenutosi a Caltagirone il 22 novembre del 2013 al quale nell’ambito delle loro competenze parteciparono, Aurelio Angelini, docente dell’Università di Palermo, Francesco Cancellieri, Presidente della Associazione Centro di Educazione Ambientale di Messina, Renato Carella, Presidente dell’Associazione di Volontariato Ambientale“Ramarro Sicilia”, Giuseppe Lo Paro, docente dell’Università di Messina, Vincenzo Piccione, docente dell’Università di Catania, Francesco Maria Raimondo, docente dell’Università di Palermo e già presidente della Società Botanica Italiana, Salvatore Scuto, già Dirigente dell'Assessorato Regionale BB. CC. AA..

Si trattò di un convegno fruttuoso che aprì ad un movimento di elaborazione e confronto sul tema, con incontri nelle Università di Catania, Messina, Palermo e altre sedi messe a disposizione in vari Comuni siciliani.

Nello stesso periodo, partì il lavoro di stesura della Carta dei Comuni Custodi della Macchia Mediterranea, ovvero quel documento che i firmatari si impegnarono di adottare e rispettare. Il 21novembre 2016,nell’ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, a Caltagirone si chiuse la fase preparatoria e si passò alle prime firme della Carta dei Comuni Custodi e all’avvio di una campagna di comunicazione educativo-ambientale.

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Rubrica

Dom 14 Aprile 2019 - 23:31





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS