User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

:: Uno Spaccato del Paese Italia

QUIsSI CRESCE! La comunità educante si mette in gioco

“Dal materiale a gioco”, un partecipato workshop per educatori, insegnanti e genitori per scoprire materiali semplici e aiutare il bambino a sviluppare il pensiero libero e l’autonomia nell’apprendimento.


:: Rubrica

Mer 13 Febbraio 2019 - 23:23


Immagine Principale



MACERATA,  13 febbraio 2019 - Vedere il materiale al di là dell'oggetto, osservare le sue caratteristiche, andando oltre l’uso per mettere in campo la propria creatività, sensibilità e fantasia per farlo divenire altro rispetto a ciò che è o a ciò per cui è stato costruito. E’ quello che hanno sperimentato insieme educatrici, insegnanti e genitori delle scuole che partecipano al progetto QUISSICRESCE!, durante il workshop “Dal materiale al gioco” tenuto dall’associazione Les Friches al nido d’infanzia Topolino di Macerata, primo di due appuntamenti programmati con il progetto sostenuto dall’Impresa sociale Con i bambini nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

 

Oggetti e materiali di uso comune, come una bottiglia, rotoli, stoffe, legnetti, tappi, scatole, pigne e ramoscelli, che educatrici e genitori hanno portato da casa presentandoli e ponendoli al centro di un cerchio in un insieme indistinto, hanno poi preso forme e composizioni diverse secondo le loro caratteristiche (forma, dimensione, colore, materia, funzione ludica, trasparenza) per arrivare a divenire proposte educative e di gioco per il bambino, che genitori e insegnanti hanno potuto creare e sperimentare direttamente.

 

“Gli spazi domestici e scolastici – è stato sottolineato nel corso del workshop - sono spesso pieni di giochi che suggeriscono un uso univoco e ripetitivo che non va nella direzione di facilitare l’esigenza del bambino di sviluppare un apprendimento in autonomia. Un materiale semplice, come quello usato nel workshop, la decostruzione dello stesso per reinventarlo, aiuta il bambino a sviluppare, più che in altri contesti, il pensiero libero e l’autonomia nell’apprendimento”.

 

Gli incontri della seconda annualità del progetto QUIsSICRESCE! tenuti da Les Friches sono, dunque, dedicati ai materiali di riuso e il modo migliore per avviarli è stato conoscerli in tutte le loro accezioni attraverso il lavoro insieme e le relazioni reciproche della comunità educante.Creare momenti per stare insieme, condividendo scelte e percorsi è un mezzo per creare buone relazioni tra servizi e famiglie. La formazione non è così un processo passivo ma un confronto costante tra saperi. Ciascun partecipante è parte attiva di un autonomo percorso di apprendimento che si sostanzia nella relazione con l’altro. Genitori ed educatori hanno poche occasioni per conoscersi, per passare del tempo insieme, per riflettere su tematiche comuni che sono centrali anche della cura e dell’educazione dei bambini. Creare queste occasioni può essere la giusta chiave per costruire un ponte tra servizi e famiglie.

 

QUIsSI CRESCE! – progetto del Comune di Macerata e della rete di partner del Tavolo 0-6 - è partito dagli spazi esterni delle strutture educative per arrivare alle famiglie, alla comunità e alla città, ponendo al centro il bambino e la sua unicità. Prossimo appuntamento del workshop gratuito “Dal materiale a gioco”, aperto alla comunità educante, sarà il 15 febbraio alla scuola d’infanzia Cardarelli dalle 16,30 alle 19,30. (ap)

 

Nelle foto: momenti del workshop

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Rubrica

Mer 13 Febbraio 2019 - 23:23





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS