User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

:: Magazine

Riapre la rinnovata Sezione Archeologica Romana del Museo “Paolo Giovio” di Como. Sabato 17 novembre

i nuovi reperti, sono frutto di uno scavo urbano effettuato nel 1999 in viale Varese angolo via Benzi, n occasione della costruzione della sede comasca di Regione Lombardia, che ha portato alla luce un intero quartiere e due necropoli di epoca romana


:: Rubrica

Ven 16 Novembre 2018 - 22:49


Immagine Principale

Immagine PrincipaleImmagine PrincipaleImmagine Principale

COMO - Riapre al pubblico domani, sabato 17 novembre, la rinnovata Sezione Archeologica Romana del Museo “Paolo Giovio” di Como, che svelerà ai suoi visitatori una serie di importanti novità grazie ad un allestimento più ricco e con nuovi reperti risalenti all'età romana, ma anche con l'aggiornamento di tutti i pannelli e le didascalie in lingua inglese, per rendere la visita più fruibile anche ai visitatori stranieri.

 

Un'occasione per conoscere ancora più nel dettaglio il passato della città, anche alla luce del recente ritrovamento in centro a Como di una cospicua quantità di monete d'oro della tarda età romana che ha senza dubbio risvegliato l'interesse per l'epoca e riportato l’attenzione sulla centralità storica del territorio.

I nuovi reperti ospitati nel museo, che andranno ad aggiungersi alle importanti opere e ai significativi manufatti che già costituivano l'esposizione, sono frutto di uno scavo urbano effettuato nel 1999 in viale Varese angolo via Benzi, in occasione della costruzione della sede comasca di Regione Lombardia, che ha portato alla luce un intero quartiere e due necropoli di epoca romana.

 

Tra i ritrovamenti più interessanti di questi scavi, ora proposti nel nuovo allestimento della Sezione Romana, c’è senza dubbio una locanda per viaggiatori che - grazie a un violento incendio che nel III secolo d.C. causò il crollo del tetto sigillando tutto quanto si trovava all’interno - ha restituito attrezzi da cucina, strumenti legati alle attività nei campi, utensili per lavori di manutenzione, oltre ad un’applique in bronzo che raffigura Dioniso su una roccia con una pantera al suo fianco.

 

Un’attenzione particolare merita la cosiddetta “tomba della maga”, chiamata così perché conteneva oggetti che hanno fatto nascere ipotesi suggestive.

                                    

 

Immagini: https://drive.google.com/drive/folders/1gL4b6vSDNYUoqDvU8NjLtb8lYq5Wa5-G?usp=sharing


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Rubrica

Ven 16 Novembre 2018 - 22:49





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS