User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

INTERVISTA A ALAN DAVID BAUMANN

“Per fortuna ci sono i colori”. Arte, Shoa e Memoria raccontate da Alan David Baumann, figlio della pittrice Eva Fischer e dell’artista Alberto Baumann

Incontriamo Alan David Baumann nella sua casa nel cuore di Trastevere, circondato dalle opere dei genitori, la pittrice ebrea di fama mondiale Eva Fischer (1920-2015) e Alberto Baumann, (1933-2014) figura poliedrica dal grande talento. Alan Ci parla della sua famiglia, dagli anni terribili della Guerra a quelli vissuti a Roma. E della sua eredità personale: trasmettere attraverso i colori cio’ che è stata la Shoa. Perché la storia più buia dell’umanità non si ripeta mai più

di Silvia Gambadoro


:: Cultura Arte Spettacolo

Lun 12 Novembre 2018 - 19:20


Immagine Principale



“Il messaggio nell’arte di mia madre è tutto in una frase che diceva sempre: “Non è arte se non crea emozioni” racconta Alan David Baumann, che in un mattino di pioggia ripercorre la vita di Eva Fischer. Idealmente con  una tela arrotolata sotto il braccio e in sella ad una bicicletta, quest'artista coraggiosa e dall’immenso  talento ha attraversato  gli anni della guerra  e poi del dopoguerra a Roma, dedicando tutta se stessa alla pittura trasmettendo, con i colori,  le emozioni della sua vita.

EVA FISCHER E LA GUERRA

 Alan David Baumann racconta degli anni della giovinezza di sua madre: nata a  Daruvar, nella ex Jugoslavia nel 1920 da genitori di origine ungherese, fin da piccola dimostra la sua predisposizione all'arte: Studia all’Accademia delle belle Arti di Lione ma al suo ritorno trova Belgrado bombardata dai tedeschi,senza dichiarazione di guerra.  Il padre, rabbino di origini ungheresi viene preso dai nazisti. “Mio nonno e altri cugini e  zii di mia madre  scompaiono, nessuno ha mai saputo  ciò che è loro accaduto”. Iniziano i rastrellamenti: dopo gli uomini, i tedeschi prendono le donne e i bambini. “La mia famiglia perde  33 persone care”. Eva fugge con la madre malata e il fratellino di soli 10 anni. In un viaggio rocambolesco  pieno di incognite, stenti, paura, passano per l’ Albania e raggiungono l’Italia. Si consegnano agli italiani e vengono internati nel campo di prigionia di Vallegrande (Isola di Curzola). Le condizioni di vita qui sono meno dure dei campi tedeschi.  Eva puo’ continuare a dipingere  e il suo talento le è d’aiuto. Grazie ad un ritratto fatto al comandante dei carabinieri ottiene il permesso di recarsi a Spalato,  sede della milizia fascista, per curare la madre.  Arrivano poi a Bologna, e riesce a procurarsi  la falsa identità  di Venturi . Sono anni bui, vissuti con l’angoscia nel cuore, ma Eva è forte:  Con la sua bicicletta, che l’ha accompagnata in tante vicende della sua vita, inizia l’attività partigiana:  affigge manifesti  che esortano alla lotta  contro i nazifascisti.  “Eppure non si è mai sentita una vera partigiana” racconta il figlio,  “per lei lo era solo chi combatteva con le armi in mano”.Alan ricorda un episodio drammatico  legato a questo momento della vita di sua madre: “l’attività di propaganda antinazista compiuta da Eva non passa inosservata. Un gerarca fascista suo ex vicino di casa a Bologna  ha  dei sospetti. Un giorno, mentre era  in bicicletta a Bologna, un’ auto nera la affianca. Scendono  due  membri della polizia fascista,  uno è il suo vicino di casa che la chiama con il suo vero nome:"Fischer".  Eva non si volta, mostrando una freddezza fuori dal comune. Riconosce il gerarca ma ribadisce che il suo nome è Venturi.   Viene fatta salire sull’auto e portata fuori Bologna, dove l’aspetta un durissimo interrogatorio. Eva non crolla, il suo sangue freddo la salva: i due gerarchi  non hanno prove, la rilasciano.  Ma non è tutto, ricorda  Alan –“mia madre chiede addirittura di essere riaccompagnata dove era stata presa - del resto  ha sempre mostrato un grande coraggio e una grande forza d’animo: anche in famiglia, senza nulla togliere a mio padre,  il maschio di casa, era lei”.

           

Nelle foto: Eva con Salvador Dalì, Gala e Amerigo Tot

GLI ANNI DEL DOPOGUERRA  A ROMA

 Il racconto di Alan prosegue: finita la guerra Eva sceglie  la capitale come città d’adozione.  Roma ha significato molto per mia madre, qui si è dedicata completamente alla pittura”. Agli inizi degli anni 60  Eva Fischer  era una testimone della scuola romana del dopoguerra. Bazzicava via Margutta e le vie adiacenti, i suoi amici erano Picasso, Chagall, Dalì, De Chirico, ma anche Mafai e Guttuso, Tot, Campigli , Carlo Levi e molti altri esponenti della cultura di quegli anni.   “Recentemente ho trovato un vecchio libro di firme degli anni 50, con messaggi di affetto e stima da parte di De Chirico, cartoline di Picasso. C’è un pezzo della  storia d’Italia dentro questa casa. A Roma incontra Alberto Baumann, mio padre: si sono conosciuti a Piazza del Popolo, dove mia madre con gli artisti stava da Canova e mio padre con i giornalisti frequentava  Rosati.  Quando si sono sposati nel 1963, il regista del "Ciak Cinegiornale", fece portare al Campidoglio le biciclette per loro e i loro invitati, realizzando un filmato che è entrato nella storia di quegli anni. La bicicletta era per Eva qualcosa di umano, perché l’aveva praticamente anche salvata, a Bologna.  E’ uno dei soggetti che ha  ripreso più volte in tutta la sua carriera artistica: c’erano le biciclette stanche, le biciclette innamorate, gentili, rotte, annoiate…". Oltre le biciclette, Eva Fischer ha dipinto i mercati, il Mediterraneo, i paesaggi, le nature morte, le scuole di ballo, i ritratti, i voli, le vetrate della sinagoga centrale di Roma. Producendo  più di mille opere, usando tecniche diverse ed esponendo  in 132 mostre personali .

         

EVA  FISCHER  E L’ARTE

“Con mia madre parlavamo spesso negli ultimi anni di ciò che è arte nel XXI secolo. Con rammarico notava come oggi si vada semplicemente alla ricerca del materiale, dell’esteriore:  bellissimi soprammobili, involucri splendidi, ma vuoti.  Un quadro oggi  è un’ immagine fissa , che nasce  semplicemente per piacere.  Per mia madre invece, dipingere è stato qualcosa di molto diverso: significava andare in giro con la sua tavolozza e il cavalletto, alla ricerca di ciò che crea emozioni,  suggestioni, impressioni. Il colore è uno degli elementi fondamentali dell’arte pittorica di  mia madre,  ed io  sono cresciuto circondato da tante opere che mi raccontano ogni giorno nuove storie ed emozioni sempre diverse.   Negli anni 50 ad esempio, Eva aveva ottenuto il permesso di assistere alle prove dell’orchestra della rai o Eiar, ne nacquero i suo quadri “musicali”. Da foto di giornali dell’epoca rivedo mia madre che disegna il sassofonista sdraiata sotto un pianoforte,  come farebbe un qualsiasi  tecnico oggi .Da citare il legame culturale e di amicizia  con  Ennio Morricone, suo vicino di casa, sfociato nel 1992 con un cd con le  musiche del maestro,  dal titolo: “A Eva Fischer pittore” e   pubblicato insieme ad  un libro con i  dipinti  di Eva ispirati alla musica di  Morricone. Nelle sue opere domina il colore, anche se è sempre presente una malinconia sua personale, per non parlare del Diario Segreto,  le opere legate alla Shoa, “i labirinti della memoria” dedicati a suo padre e a tutti coloro che non sono tornati dai campi di sterminio nazista.

LA SCOPERTA DEL  DIARIO SEGRETO DI EVA FISCHER  I LABIRINTI DELLA MEMORIA

“Fin da piccolo mia madre mi portava nel suo studio,  e mentre mangiavo bruschette o piantavo chiodi nel muro mia madre dipingeva  …  Vedevo sempre  nascere i suoi quadri. Verso la fine degli anni 80 per caso con mio padre ci accorgemmo di alcune opere accatastate in un angolo, dalla tematica a noi nuova, legata all’Olocausto, alla shoa:  era un  “diario segreto”,  attraverso il quale  Eva  era riuscita a esternare e a rappresentare  il dramma  e il dolore di  quel periodo. Aveva tenuto nascoste queste tele per oltre 50 anni. I nazisti con l’olocausto avevano tentato di cancellare  l’umanità  delle  persone che avevano la sola colpa di essere nate. Le prime testimonianze dei sopravvissuti alla shoa  risalgono tutte allo stesso periodo, e  credo che il motivo del silenzio perpetrato per così tanto tempo fosse legato ad una sorta di pudore, un senso di vergogna,  per essere  rimasti in vita con 6 milioni di morti. Ricordo un aneddoto, risalente all’epoca della guerra dei 6 giorni,  nel 1967, quando mio padre fu mandato come inviato di guerra in Israele: arrivato a Gerusalemme  prese uno "sherut",   un taxi collettivo -  e qui conobbe  un uomo che quando gli parlava si nascondeva la bocca, come vergognandosi:  questa persona aveva un numero sul braccio: era un ex deportato.  L’incontro  lo colpì profondamente:  comprese che era lo stesso disagio provato da tutti coloro scampati all’orrore dei campi di sterminio.

ALBERTO BAUMANN, MIO PADRE

La Shoà ha cambiato anche la vita di mio padre,  Alberto Baumann.  Era figlio di un inviato di guerra ungherese che aveva combattuto nel primo conflitto mondiale e poi spedito al confino dal regime fascista perché ebreo e apolide. Mio padre a sei anni rimase orfano della madre, Estelle Piperno.  A  causa delle leggi razziali  non potè frequentare le scuole.  A  soli 10 anni   fu costretto a fuggire da Montecatini, dove viveva con i nonni, per via delle incursioni naziste.  Trovò rifugio nelle campagne toscane dove fu  accolto  da una famiglia di gitani fiorentini dove apprese varie arti circensi. Anche per lui il bilancio della guerra fu tragico. Perse 7 congiunti nelle deportazioni.  Questo suo passato travagliato e doloroso  ha contribuito a forgiarne la fantasia e il genio. Dopo la guerra mio padre lavorò in vari paesi Svizzera, Germania, Milano, e poi venne  a Roma, agli inizi degli anni 50.  E’ stato giornalista scrittore e poeta, ha fondato il  giornale Shalom.  Poi  negli anni 80 è  approdato alla scultura e alla pittura. Era  un astrattista, e per lui l’arte era la testimonianza di un’epoca. “L’artista ha la fortuna di poter trasmettere il proprio tempo”, diceva. Oggi abbiamo le immagini,  l’informatica,  ma non lasciano libertà di fantasia.  E’ tutto troppo diretto e immediato. Uno dei giochi più belli di questa casa ai quali partecipavo era l’intitolazione delle opere d’arte:  ognuno di noi interpretava l’opera e piano piano si doveva arrivare a un’idea.  E’ uno dei ricordi più belli che ho della mia famiglia".

PER NON DIMENTICARE   

 Alan Baumann ci parla del suo impegno per spiegare alle nuove generazioni cosa è stato l’Olocausto e dei suoi incontri con i giovani:   “ogni anno, dal 1997,  in occasione della Giornata della memoria, il 27 gennaio, porto come testimone di seconda generazione nelle scuole di ogni ordine e grado, alcuni dipinti del “diario segreto”,  e cerco di trasmettere cosa è stata la Shoa.  E’ bello vedere la  partecipazione e lo stupore dei  ragazzi, che spesso si commuovono.  Per alleggerire  l’impatto di ciò che racconto, spesso uso un vecchio trucco, specialmente con i più piccoli: utilizzo la pronuncia  di mia madre, che parlava perfettamente  8 lingue, ma tutte con un forte accento ungherese. I ragazzi ridono, ma arrivano al punto”  alla presa  di coscienza del fatto che l’uomo è stato capace di un tale orrore, e la consapevolezza che cio’ che  è accaduto  non deve più ripetersi”In occasione della prossima giornata della memoria,” prosegue Baumann, “sto  preparando un concerto-evento, Musicaust, insieme a Maria Di Pasquale, professore accademico pianista presso la Fondazione Milano. Tra  i vari pezzi musicali    inserisco delle testimonianze, o in video o raccontate, di persone che hanno vissuto questi drammatici momenti.  L’iniziativa nasce dal ritrovamento da parte di Maria DI Pasquale di alcune musiche di autrici che hanno vissuto durante il periodo della Shoah: alcune deportate, altre "solamente" discriminate e nascoste. Queste donne,  pur vivendo nella clandestinità, organizzavano concerti, perché  ritenevano che la  cultura fosse l’unica forma per sopravvivere al nazismo. Il popolo ebraico è scampato a tanti nazismi, a tanti olocausti grazie alla propria cultura, alla capacità di andare oltre, di superare l’orrore, grazia alla fantasia. Credo che l’olocausto sia un’epoca e come tale  vada  trasmessa perché la negazione è l’anteprima della ripetizione. Per evitare che la storia e l’orrore  si ripeta”. Il concerto evento sarà ospitato dalla città di Alfonsine, provincia di Ravenna.   “ Stiamo inoltre realizzando un adattamento per le scuole di Musicaust, chiamato  “uno due tre stella”. I ragazzi potranno capire, attraverso un gioco, cos’è stata la discriminazione, le leggi del 38, il crudele e insensato destino dei condannati a morte nei lager per il solo fatto di essere ebrei. Finalmente riusciro’ a mettere insieme  musica e arte, proprio come ha fatto ma madre. Per trasmettere  la Shoà e superarla con la forza dei colori.

Alan David Baumann, Si occupa da sempre di Arte, editoria  e comunicazione.  E'  Direttore Responsabile della testata giornalistica online “L’ideale – informazione oltre le consuetudini”. Da oltre 25 anni, si occupa di relazioni pubbliche, ufficio stampa, organizzazione di eventi, webmaster, per “Artmann – arte & comunicazione”. Ha fondato nel 2015 "ABEF - archivio baumann e fischer".E’ stato vice coordinatore  della Shoà foundation creata da Steven Spielberg, raccogliendo le numerose testimonianze dei sopravvissuti allo sterminio nazista e di tutti coloro che avevano aiutato gli ebrei.  Dal 1997 si occupa della giornata della Memoria, il 27 gennaio.  Ogni anno trasmette il senso della Shoa facendola capire attraverso i colori, recandosi nelle scuole di ogni ordine e grado.  In occasione della prossima ricorrenza del 2019, sta organizzando in collaborazione con la pianista  Maria Di Pasquale, che insegna alla fondazione Milano,  il concerto- evento Musicaust.   

www.abef.it


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Cultura Arte Spettacolo

Lun 12 Novembre 2018 - 19:20





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS