User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

FLASH NEWS

UNO STUDIO SPERIMENTALE DELL'UNIVERSITà DELLA PENNSYLVANIA, DIMOSTRA UNA RELAZIONE CAUSALE TRA IL TEMPO TRASCORSO SULLE PIATTAFORME SOCIALI E UN CALO DEL BENESSERE. LA RICERCA, PUBBLICATA SUL JOURNAL OF SOCIAL AND CLINICAL PSYCHOLOGY, HA PRESO IN ESAME 143 STUDENTI UNIVERSITARI E IL TEMPO DA LORO SPESO SUI SOCIAL, CERTIFICATO DALL'IPHONE --- MORTO STAN LEE A 95 ANNI, IL "PAPà" DEI SUPEREROI MARVEL (SPIDER-MAN, CAPITAN AMERICA, I FANTASTICI 4, HULK, IRON MAN, THOR, BLACK PANTHER). ---

Ferragosto con strage

Ponte Morandi: Il procuratore di Genova non crede alle fatalità e Renzo Piano ha affermato che la grande opera ormai era a rischio e si sarebbe dovuto intervenire da tempo

Il taccuino di Nuccio Fava


:: Attualità

Gio 16 Agosto 2018 - 12:26


Immagine Principale

Immagine Principale

Immagine: Nuccio Fava già direttore Rai TG1 e TG3

 

Genova drammaticamente ferita per lo sbriciolamento dell’autostrada che colpisce l’Italia tutta. Inesorabile passarella di politici e qualche strumentalizzazione.

Lo chiamavano Ponte Morandi, superava di slancio il Polcevera collegando le due parti della città in modo avveniristico. Era considerato, non solo dai genovesi, struttura analoga a quella di New York, il ponte di Brooklyn, in piedi da oltre 100 anni. Quello di Genova era stato inaugurato nel 1967 con una grande cerimonia, alla presenza di Giuseppe Saragat, presidente della Repubblica. Lo attraversavano milioni di viaggiatori e di camionisti, provenienti o diretti anche in Francia e verso Lombardia e Piemonte. Insomma, uno snodo cruciale – giorno e notte – per il mondo del lavoro e degli affari, indispensabile anche per l’accesso al porto e l’imbarco di crocieristi e passeggeri.

 

Una tragedia immane per l’operosa Genova.

Una tragedia di valore fortemente economico, ma specialmente per il numero di vittime e feriti. Genova e l’Italia tutta non piangono solo i morti, pure bambini e ragazzi diretti al mare, ma un gran numero di dispersi, di famiglie rimaste senza casa come ai tempi della guerra.

Immenso l’impegno dei soccorritori, specie dei vigili del Fuoco, impegnati a scavare con le mani o con l’uso accorto di piccole gru e martelli pneumatici, nella speranza di raggiungere ancora qualche sopravvissuto e di rispettare al massimo i corpi delle vittime.

Dal primo pomeriggio sono piovute ininterrotte le dichiarazioni di ministri e politici, alcune con sfumature polemiche e strumentalizzazioni elettoralistiche.

Forse inevitabili nelle condizioni attuali della politica dal suono comunque sgradevole e inopportuno.

Nella sua drammaticità resta però – insieme alla commozione e allo sgomento –l’urgenza di una riflessione corale per dar vita a un grande piano di investimenti e di interventi urgenti per mettere in sicurezza l’Italia.

Citeremo due sole voci: il procuratore di Genova che ha risposto di non credere alla fatalità; dell’architetto Piano, che oltre al dolore e allo sgomento di vecchio genovese ha affermato che la grande opera ormai era a rischio e si sarebbe dovuto intervenire da tempo.

 

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Attualità

Gio 16 Agosto 2018 - 12:26





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS