User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Calda estate con temporali improvvisi. Similitudine con la stagione politica precaria ed inquietante

di Nuccio Fava


:: Editoriale

Mar 07 Agosto 2018 - 11:01


Immagine Principale



Immagine:Nuccio Fava già direttore Rai del TG1 e TG3

 

Roma - Pur in un caldo appiccicoso e ad intermittenza, aggravato da temporali improvvisi e burrascosi, il Parlamento e le forze politiche continuano a litigare dissennatamente a scopi di prevalente finalizzazione elettoralistica. Si inseguono frange di elettori ignoranti e irresponsabili. Ignoranti perché misconoscono il valore della scienza ed ignorano la pericolosità della non vaccinazione per i propri figli unitamente ai rischi, anche mortali per tutta la comunità . Non meno rischiosa - seppur molto diversa- la spettacolare ingovernabilità della Rai  lanciata ad un precipizio crescente per la cecità irresponsabile del vice presidente Salvini. Si preoccupa ossessivamente del suo potere e ostenta le sue apparizioni a dorso nudo sull’arenile di Milano Marittima in compagnia del fedelissimo ministro Fontana che vuole cancellare la legge Mancino, messa in campo a suo tempo per punire l’odio razziale e la propaganda fascista . Valori tutti consacrati nella nostra Costituzione, utilizzati però  - secondo il ministro della Famiglia- dalla propaganda comunista per veicolare odio sociale e politico a danno della Lega . Così posta, la questione risulta particolarmente fuorviante e strumentale, non senza volgarità allo scopo di appesantire ulteriormente un clima già preoccupante per le distinzioni insistite e contrapposte, anche sui media, a proposito dei numerosi atti di violenza specie contro migranti africani. 

 

A questo e’ ridotta la politica di nuovo conio Lega- Cinquestelle sostanzialmente sempre più competitiva e incapace di esprimere atti concreti e risposte adeguate. Si pensi ai momenti di ludibrio durante certe fasi del dibattito parlamentare al Senato e alla Camera mentre il ministro Di Maio concludeva con un pugno di mosche l’incontro per la vertenza Ilva. In mezzo a questo preoccupante deserto, privo di valori e senso di responsabilità , l’occasione per una riflessione di fondo potrebbe essere suggerita dalla ricorrenza dei 40 anni della morte di Paolo VI. Un gigante nella vita della chiesa e della società che ha posto con grande energia il tema cruciale del confronto con la modernità , il rapporto della chiesa con tutte le nuove sfide a livello planetario in ogni campo. Ereditò Paolo VI un concilio non ancora concluso. "Rissoso” e a forte rischio di smarrimento non solo per i credenti. Riuscì il nuovo Papa con sapienza ,equilibrio , pazienza e straordinaria capacità di mediazione a ravvicinare posizioni lontane ritenute inconciliabili ricondotte a convergenze e sostanziale unità . Un grande Papa e un grande italiano, per l’incidenza cauta e diretta che ebbe su grandi scelte politiche , compreso l’avvio del centrosinistra promosso da Moro e Fanfani, ma visto con esplicita riprovazione da cardinali influenti come Ottaviani e Siri. Fu l’ultimo Papa italiano seguito da Giovanni Paolo II,Benedetto XVI e Francesco. Tra le tante novità promosse da papa Montini, il documento conciliate Gaudium et Spes,la Populorum progressio , l’accorato appello alle Nazioni Unite per la pace dell’intera umanità e “lo sviluppo e il nuovo nome della pace”.Come ignorate inoltre la riforma liturgica, l’introduzione del “volgare”nelle celebrazioni non più in latino, con l’accostamento sistematico e diretto alle Scritture e alla proclamazione dei Salmi. L’ultimo indimenticabile servizio reso all’Italia fu la lettera agli “uomini delle Br”e l’omelia-lamento in San Giovanni: “ma Tu non hai ascoltato la nostra supplica”. A ottobre sarà proclamato santo in piazza San Pietro insieme a monsignor Romero. 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Editoriale

Mar 07 Agosto 2018 - 11:01





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS