User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Consiglio europeo. Conte soddisfatto: Europa più solidale sui migranti

Negoziato lungo e difficile concluso dopo 13 ore con un accordo a 28 sul dossier sui migranti. 'L'Italia non è più sola' dice il premier Giuseppe Conte. Un buon segnale per la Cancelliera Merkel; un passo importante per il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ma non un successo

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Sab 30 Giugno 2018 - 01:26


Immagine Principale



Bruxelles - Un negoziato lungo 13 ore che ha portato all’accordo a 28 sul dossier sui migranti. All’alba del 29 giugno esce soddisfatto dal Consiglio europeo il premier Giuseppe Conte che annuncia ‘’l’Italia da oggi non è più sola’’. E a quanti ritenevano che il vertice si sarebbe chiuso a ribasso elenca gli articoli del documento sull’immigrazione dimostrando che i patner Ue abbiano recepito e sottoscritto molte delle richieste del piano presentato da Roma. Primo tra tutti il principio secondo il quale "chi arriva in Italia, arriva in Europa". Una lunga trattativa conclusa intorno alle 4, 30 del mattino all’insegna di ‘’un’Europa più responsabile e solidale’’. Così Conte definisce il bilancio del vertice europeo che ha stabilito anche rifinanziamento del Fondo fiduciario per l'Africa; la necessità di riformare il regolamento di Dublino; l'apertura di centri di sbarco e accoglienza nei Paesi terzi e quelli volontari in Europa. Sui quali una eventuale decisione "al livello governativo in modo collegiale" è rinviata ad altro momento sottolinea  Conte e precisa, "direi che non siamo assolutamente invitati a farli". Un summit che ha dedicato oltre otto ore al tema dei migranti sul quale al di là delle aspettative ‘’ siamo riusciti a trovare una soluzione europea", commenta Emmanuel Macron  tra i primi leader a lasciare alle luci dell’alba il palazzo del Consiglio europeo.  

Angela Merkel che rischiava la tenuta del suo governo  dall’andamento del vertice ha ottenuto che fossero citati i movimenti secondari e le misure per contrastarli. Il ministro falco Horst Seeheofer  nei giorni scorsi sull’argomento aveva  provocato tensione e instabilità alla cancelleria tedesca. ‘’Un buon segnale ‘’ l’accordo a 28 ha detto la Merkel che con l’Italia non ha avuto il bilaterale sui movimenti secondari, spiegato dalla Cancelliera dal fatto che per ‘’l’Italia il problema cruciale è la migrazione primaria’’."Grecia e Spagna sono pronte a riprendersi i rifugiati già registrati in Eurodac che arrivano ai posti di frontiera dove ci sono controlli, come quello tra Austria e Germania", mentre con gli altri Paesi confinanti in cui non sono attivi controlli alle frontiere "procederemo con accordi amministrativi bilaterali". Così la cancelliera Angela Merkel al termine del vertice Ue. In cambio la Germania si impegnata a prendere i rifugiati che arrivano in Grecia e Spagna e che hanno diritto al ricongiungimento familiare.

 

Per il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk  il documento finale del vertice è stato un passo importante ma è presto parlare di successo. E’ passato un messaggio chiaro sul rispetto delle leggi  da parte delle imbarcazioni che navigano sul Mediterraneo . Comprese le Ong , ‘’Tutti devono rispettare la legge e non ostacolare il lavoro della guardia costiere libica" dice Tusk che alla conferenza stampa finale del summit  ha precisato che "L'unico modo per aiutare l'Italia e la Grecia, è quello di fermare o ridurre le migrazioni illegali alle nostre frontiere esterne’’. Donald Tusk ha poi dissentito la posizione del presidente Macron che non aprirà centri di accoglienza per migranti non essendo la Francia un paese di primo arrivo.

Il Vertice europeo non ha cambiato le regole di Dublino e i Paesi in prima linea continueranno ad assumersi la responsabilità, ha commentato il premier belga Michel sottolineando che l’ operazione delle quote dei migranti della nave Lifeline  non deve ripetersi.   

Per il gruppo dei Paesi Visegrad il Vertice Ue è stata una grande vittoria. Uniti siamo riusciti ad evitare la redistribuzione dei migranti. Ha twittato il ministro ungherese per le Politiche europee Szabolcs Takacs soddisfatto di aver schivato le quote obbligatorie.

Oltre al tema centrale dei migranti dal Vertice di Bruxelles è uscito l’accordo sul  rinnovo delle sanzioni alla Russia. Un via libera che apre all’adozione formale.  


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Sab 30 Giugno 2018 - 01:26





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS