User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Macerata. Per Quanti fiori caccia un Prato! Spettacolo itinerante a Villa Ficana

L’ idea e il progetto dello spettacolo nascono all’interno del laboratorio di Teatro Multiculturale di DADA – Distretto Attività Diffuse Aggregative, progetto promosso dall’Associazione Culturale Ricreativa OZ di Macerata in qualità di capofila, con i partner Gruca Onlus, ESN Macerasmus, Strade d’Europa e Comune di Macerata


:: Cultura Arte Spettacolo

Dom 24 Giugno 2018 - 23:43


Immagine Principale



Macerata - Per Quanti fiori caccia un Prato!  è uno spettacolo teatrale itinerante negli spazi dell’Ecomuseo delle Case di Terra Villa Ficana che si terrà sabato 30 giugno e domenica 1 luglio, dalle 21 alle 23. E’ a ingresso libero ma occorre la prenotazione da farsi entro il 27 giugno allo 0733 470761, da martedì a venerdì ore 9-12 e 15-18. www.progettodada.jimdo.com

progettodada@gmail.com

L’ idea e il progetto dello spettacolo  nascono all’interno del laboratorio di Teatro Multiculturale di DADA – Distretto Attività Diffuse Aggregative, progetto promosso dall’Associazione Culturale Ricreativa OZ di Macerata in qualità di capofila, con i partner Gruca OnlusESN MacerasmusStrade d’Europa e Comune di Macerata,  risultato vincitore e primo nella graduatoria stilata dalla Regione Marche, nell’ambito del bando “AggregAzione (2^ edizione): “Obiettivo generale dell’intervento “aggregAzione” è di promuovere nuove modalità e forme di aggregazione e di incontro dei giovani attraverso iniziative culturali e formative, attività di orientamento e placement, nonché appositi centri o spazi aggregativi”.

Il progetto DADA si avvale del cofinanziamento della Regione Marche e del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, è riservato ai giovani di età compresa tra i 16 e i 35 anni e intende contribuire allo sviluppo di un centro giovanile multiculturale di aggregazione, essere un punto di riferimento e di incontro tra i giovani maceratesi e i giovani stranieri che vivono in città, diventando a tutti gli effetti un’opportunità di crescita della cittadinanza attiva e creativa.

Lo spettacolo sarà un viaggio vero e proprio, un evento itinerante, che porterà i partecipanti a camminare nella storia e nei luoghi di Villa Ficana, borgo ottocentesco realizzato in terra cruda e paglia, oggi importante luogo culturale internazionale della città di Macerata e parte integrante dei Musei maceratesi.

Ogni rappresentazione sarà aperta ad un massimo di 30 persone per serata, per rendere lo svolgimento fluido e per permettere agli spettatori di entrare appieno nelle atmosfere della storia.  Il cast è composto da giovani universitari maceratesi, da studenti del progetto Erasmus, dai volontari del Servizio Civile Nazionale e del Servizio Europeo ospiti dell’Associazione Gruca e da giovani di diverse provenienze che hanno deciso di mettersi in gioco in un progetto così ambizioso ma di così ampio respiro multiculturale. La regia è curata da Luis Marreiros, attore e volontario portoghese, che fa parte del Servizio Civile Nazionale dell’Ecomuseo.

 

 

Questa la scheda dello spettacolo:

Per Quanti fiori caccia un Prato!  È un'allegoria dell’inizio del XX secolo, un richiamo all'attenzione sulla moralità e la mentalità dell’epoca, sul ruolo delle donne durante il periodo più intenso della storia contemporanea: la Prima Guerra Mondiale e ciò che ha rappresentato per il mondo intero.

Lo spettacolo è liberamente tratto dal libro “Per quanti fjuri caccia ’m prate!” scritto da Eliana Ribes e Silvano Fazi (il libro è interamente scritto in dialetto maceratese, ma è stato tradotto in italiano per dar modo a ai partecipanti di lavorare sul testo). Gli autori sono stati parte integrante del processo creativo del gruppo di lavoro, attraverso i loro ricordi e i loro consigli.

Il libro racconta la vera storia della famiglia Ribes e l'origine di un cognome piuttosto curioso e insolito per una famiglia marchigiana. Le vite dei protagonisti si intersecano con la Grande Guerra e i suoi avvenimenti: l'intero universo bellico è comune a tutti noi, siamo tutti discendenti di coloro che caddero sui campi di battaglia. C'è una linea che collega europei, asiatici, africani e americani a un fronte di guerra, una guerra che è finita da 100 anni.

Non è possibile negare che il mondo stia subendo una serie di trasformazioni in quel periodo: il sociale è chiamato in causa così come l'identificazione culturale; si aprono i confini ma non sappiamo quanto le persone siano aperte rispetto agli altri. Tuttavia .... Cento anni dopo, le Culture si uniscono. Siamo fratelli uniti nel dolore e nella responsabilità di non ripetere gli stessi errori.

Attraverso diversi “quadri narrativi”, la vita popolare si inserisce nella storia cosiddetta “maggiore”, con la sua ricchezza e la sua drammatica realtà. Soprattutto, Per quanti Fiori caccia un prato!  vuole essere un punto d'incontro tra diverse vite vissute, storie e persone di allora come di oggi.  Non deve sembrare strano che una simile storia venga rappresentata da giovani di diverse nazionalità: la Prima Guerra Mondiale è stata un punto d'incontro tra nazionalità, personalità storie, soprattutto ha contribuito ad un cambiamento di mentalità intrinseco, o piuttosto un passaggio obbligato e obbligatorio delle società mondiali.

Attraverso un linguaggio non politico, mettendo da parte concetti e preconcetti, lo spettacolo vuole essere un promemoria per non dimenticare e per far conoscere la storia, sia quella importante che si studia sui libri di scuola, sia la storia reale, quella fatta di persone, di vita vissuta giornalmente, che non solo fa da contorno ma è protagonista di ciò che nel mondo è avvenuto e continua ad avvenire. È un ponte tra un secolo di storia e il presente.


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Cultura Arte Spettacolo

Dom 24 Giugno 2018 - 23:43





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS