User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Mattarella apre le celebrazioni per il 73 esimo anniversario della Festa della Liberazione

Per il quarto anno consecutivo la Comunità ebraica non partecipa alla manifestazione

di Silvia Gambadoro


:: Politica

Mer 25 Aprile 2018 - 11:23


Immagine Principale



Roma - Sono partite questa mattina le celebrazioni  per il 73esimo anniversario della vittoria delle forze alleate e della Resistenza e della fine dell’occupazione nazifascista in Italia .

Alla presenza delle più alte cariche dello Stato,tra cui i due neo presidenti delle Camere, Elisabetta Casellati e Roberto Fico  e il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni,  il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha passato in rassegna il picchetto d'onore e ha salutato i rappresentanti delle associazioni combattentistiche all'Altare della Patria . Mattarella ha poi  reso omaggio al Milite ignoto, deponendo una corona all'Altare della Patria. Il Capo dello Stato  accompagnato dal ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha assistito all'esecuzione dell'inno nazionale davanti all'Altare della Patria. Mattarella ha poi lasciato la piazza alla volta del Quirinale.

Per commemorare questa grande giornata storica  partirà dalla sede della Regione Lazio, il  corteo organizzato dall'associazione partigiana Anpi Roma, assieme ad altre associazioni di ex partigiani, di ex deportati nei campi di sterminio, perseguitati politici e internati Aned, Anei, Anppia, Anpc, Anvrg Roma, Fiap, Circolo G. Bosio. La manifestazione vede l'adesione dei sindacati, dell'Arci, del circolo Mario Mieli, di Libera, della comunita' palestinese di Roma e Lazio e di tante altre associazioni.

Grande assente alla manifestazione la comunità ebraica, che  ha celebrato  la festa della Liberazione  in  luoghi  diversi da quelli scelti  dai partigiani, prima alle Fosse Ardeatine e poi in via Tasso. 

La frattura è stata provocata dalla notizia della presenza della rappresentanza palestinese, che ha dichiarato di voler sfilare indossando bandiere e kefieh. "In questa giornata bisogna portare rispetto alla storia e ai suoi protagonisti", ha spiegato in una nota la comunità ebraica, definendo quelli palestinesi "simboli estranei allo spirito del 25 aprile” .

L’associazione dei partigiani, che era stata invitata esplicitamente dalla comunità ebraica a «escludere i palestinesi dal corteo», si dice «sorpresa» per la decisione, ricordando il faticoso lavoro svolto nei giorni scorsi tra associazioni, Campidoglio ed Ucei per organizzare una manifestazione unitaria.

Paolo Gentiloni ha ricordato in un tweet la festa della Resistenza:   Il 25 aprile "fu il giorno del riscatto dell'Italia, è dovere di tutti ricordare chi ha combattuto per la nostra liberta' contro gli orrori della dittatura":  Il Presidente del Consiglio  ha rivolto inoltre  "un pensiero speciale" a Giorgio Napolitano, operato nella notte al cuore, definendolo un "protagonista della Repubblica" e incoraggiandolo con un "Forza Presidente!".   

 

foto archivio sito Presidenza della Repubblica 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Politica

Mer 25 Aprile 2018 - 11:23





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS