User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

“Paia”. La mostra di Elena Modorati da Progettoarte elm a Milano

A cura di Marco Meneguzzo. Inaugurazione giovedì 1 marzo


:: Cultura Arte Spettacolo

Lun 26 Febbraio 2018 - 10:59


Immagine Principale

Immagine Principale


A cura di Marco Meneguzzo 
Inaugurazione giovedì 1 marzo 2018, ore 18.30
dal 2 Marzo al 20 aprile 2018
Catalogo in galleria

Progettoarte elm
Via Fusetti, 14 - 20143 | Milano
Tel. +39 02 83390437 | Email: info@progettoarte-elm.com

-------------------

La mostra Paia inaugura ufficialmente una nuova stagione espressiva nel mondo di Elena Modorati, più indirizzata verso la dimensione installativa, in cui è ridimensionato il ruolo della scrittura presente nei più noti lavori in cera degli ultimi dieci anni (di cui saranno comunque in mostra alcuni esempi, a significare il senso di continuità con questo nuovo lavoro). Realizzati con vari materiali – garze, lamierino d’ottone, graffiature su carta, superfici specchianti e, comunque, la consueta cera – i nuovi lavori nascono dal concetto di “paia”, cioè di coppia, che significa in primo luogo “relazione”: tutto è giocato sul fatto che il paio è anche il doppio, il duo, il nucleo elementare della ripetizione e del ritmo, ma anche del rapporto fra l’uno e l’altro, l’interno e l’esterno, o di quello fra traccia e supporto. E’ il caso dei fogli con le “lacrime” graffite , lavoro posto in tensione dalle frasi a tema pronunciate dalle voci in loop dei filosofi Laura Odello e Georges Didi-Huberman. Sempre in dialogo, due lunghe garze cerate cadono verso il suolo, riflettendosi su di una superficie specchiante, come una cascata che sgorga da due punti (due occhi?); più ambiguo è il nesso fra i caleidoscopi contrapposti, dove lo sguardo si ferma sul fondo mentre sembra che i due “cannocchiali” si guardino. Ma l’opera al centro dell’esposizione è nascosta dietro un pudico paravento semitrasparente: è un letto per due persone, appena accennato nel suo perimetro: il luogo del riposo e dell’amore, dunque dell’intimità, di cui non resta che il contorno, la delimitazione di un valore, ma in bilico, sfrangiato e a perdere. L’affioramento della memoria e del tempo, così dichiarato nei suoi lavori precedenti, qui in certi casi è più mediato, in altri più esplicito, sicuramente meno intellettuale e più emotivo, più immediatamente legato al vissuto, che non è solo il vissuto, il diario dell’artista, ma la vita di tutti.

Elena Modorati è nata a Milano, dove vive e lavora, nel 1969. Si è laureata in filosofia all’Università degli Studi di Milano. Ha tenuto le più recenti esposizioni personali a Torino presso Raffaella De Chirico Arte Contemporanea nel 2017, a Milano presso la Galleria San Fedele e galleria Theca nel 2016, da Progettoarte Elm nel 2015, a Pietrasanta presso Galleria Cardi nel 2014, da Il Milione e Fabbri contemporary art nel 2013. Una sua installazione a parete è stata esposta a Bag, Università Bocconi, dal 2012 al 2016


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Cultura Arte Spettacolo

Lun 26 Febbraio 2018 - 10:59





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS