User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

:: Magazine

Teatro Stabile di Catania, “Lunga giornata verso la notte” capolavoro postumo di Eugene O’ Neill

Alla Sala Verga dal 20 al 25 febbraio. Regia di Arturo Cirillo, protagonista in scena con Milvia Marigliano, Rosario Lisma, Riccardo Buffonini


:: Rubrica

Lun 19 Febbraio 2018 - 22:52


Immagine Principale

Immagine Principale

photo credits Diego Steccanella

CATANIA Opera postuma e dolorosamente autobiografica, “Lunga giornata verso la notte”, premio Pulitzer nel 1956, è il testo più rappresentato del drammaturgo statunitense Eugene O’Neill, padre della drammaturgia americana contemporanea, che lascia come testamento spirituale un dramma dalle tinte tragiche da ascrivere tra i capisaldi teatrali del Secolo Breve. L’attore e regista Arturo Cirillo ne ha firmato un’intensa messinscena, applaudita in tournée nazionale nei palcoscenici di tutta Italia, e costruita sulla straordinaria prova attoriale di un quartetto che annovera lo stesso Cirillo, Milvia Marigliano, Rosario Lisma, Riccardo Buffonini. Le scene sono di Dario Gessati, i costumi di Tommaso Lagattolla, le luci di Mario Loprevite. L’allestimento prodotto da Tieffe Teatro Menotti sarà ospite del Teatro Stabile di Catania, dal 20 al 25 febbraio alla sala Verga.

Long Day's Journey into Night, qui proposto nella traduzione di Bruno Fonzi, è ambientato nella casa dei Tyrone, nel Connecticut, nell’agosto 1912, e si svolge nell’arco di un’intera giornata, affrontando i temi della dipendenza, della nostalgia, della disperazione e del senso di colpa all’interno della famiglia, mettendo a confronto quattro diversi fallimenti esistenziali. Il padre James è un attore sul viale del tramonto, la moglie Mary una donna rovinata dall’abuso di morfina, il figlio James Jr. un alcolista disadattato. Il nucleo famigliare si sgretola sotto gli occhi del figlio minore Edmund, tornato a casa dopo un’esperienza da marinaio con l’ambizione di diventare scrittore.

«Ho scelto il capolavoro di O’Neill – racconta Arturo Cirillo – per concludere la trilogia americana affrontata con il Teatro Menotti di Milano, nata qualche anno fa da un desiderio di un incontro scenico tra me e Milvia Marigliano. Dopo i fortunati “Zoo di vetro” di Williams e “Chi ha paura di Virginia Woolf?” di Albee, ci confrontiamo con un altro grande drammaturgo statunitense. È sempre la famiglia quella che si mette in scena, come se il grande sogno americano non potesse se non partire da lì, dove tutto ha inizio e dove tutto a volte si conclude. Una lunga notte, ancora in compagnia di un fiume di alcol, questa volta con in più anche il senso di una malattia (nel testo tubercolosi, oggi potrebbe essere cancro), e la dipendenza da droghe (nel testo morfina, oggi potrebbe essere anfetamina, cocaina o altro). Come nei due testi già portati in scena, ciò che m’interessa non è tanto uno spaccato americano, per di più in questo caso con personaggi d’origine irlandese, ma la forza dei dialoghi e la possibilità di costruire quattro grandi interpretazioni».

 

Rispetto agli allestimenti concepiti per Williams e Albee, Arturo Cirillo sottolinea la scelta di un approccio diverso: «Se negli spettacoli precedenti avevo usato un impianto volutamente non naturalistico per uscire dal melò e da una certa convenzionalità, qui è il teatro nel suo chiaro essere ad apparirmi alla mente. Il capofamiglia è un attore, dalla carriera incerta, il suo primogenito è stato un attore senza motivazioni ma costretto a recitare dal padre, desideroso di vederlo in qualche modo sistemato. Ma attori li possiamo considerare tutti e quattro i protagonisti di questa rappresentazione di una lunga nottata, dove la nebbia è data dalla macchina del fumo, dove gli attori/personaggi escono e rientrano nel proprio camerino, come nella propria solitudine. Il testo di O’Neill mi si è rivelato come un enorme celebrazione dell’immaginazione, dove i personaggi hanno continuamente un doppio binario di menzogna e verità, ma per citare il titolo di un libro di Elsa Morante, a vincere è il sortilegio: della droga, dell’alcol, ma soprattutto del teatro».

LUNGA GIORNATA VERSO LA NOTTE

di Eugene O’ Neill
traduzione Bruno Fonzi

con Milvia MariglianoArturo CirilloRosario LismaRiccardo Buffonini

scene Dario Gessati – assistente Maddalena Moretti
costumi Tommaso Lagattolla – assistente Donato Di Donna

luci Mario Loprevite

regia Arturo Cirillo
assistente alla regia Mario Scandale

Un ringraziamento per la collaborazione a Lucia Rho

produzione Tieffe Teatro

Teatro Verga 20 – 25 febbraio 2018

----------------------

 

                                                                                Calendario rappresentazioni

Martedì

20

febbraio

2018

ore

20,45

Mercoledì

21

febbraio

2018

ore

17,15

Giovedì

22

febbraio

2018

ore

20,45

Venerdì

23

febbraio

2018

ore

17,15

Sabato

24

febbraio

2018

ore

20,45

Domenica

25

febbraio

2018

ore

17,30

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Rubrica

Lun 19 Febbraio 2018 - 22:52





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS