User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

The ‘Fake’ Accusation Is Offering Comfort and Cover to Dictators

By Llewellyn King


:: Esteri

Gio 21 Dicembre 2017 - 16:50


Immagine Principale

Immagine Principale

Immagine:Photo credit: Jon S., "Newspapers BW" Used under license Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

Mr. President, one of the things you should know, as your first tumultuous year in office draws to its close, is that the United States has the best media in the world. Only United Kingdom media rivals it.

It is a bulwark of the American Dream, of American exceptionalism.

Its role as the carrier of information in the United States is as important as it is outside the nation.

That is why your situation room in the White House has so many news feeds. Often, despite the huge apparatus of government information gathering, it is reporters who tell it like it is first and give you actionable information.

It is because of the media that we know what is going on in Myanmar, Syria, Yemen and Zimbabwe — even inside the royal family of Saudi Arabia.

I would have the temerity suggest that even you, despite your seemingly pathological hatred of all information that does not accord with your own views, and your administration in times of crisis turn first to the media, and especially to outlets like The New York Times and CNN. In your heart of hearts, you know you are going to find out what is happening there, not on the political networks like Fox, One America News and Newsmax, and not through government’s cumbersome channels of information relay.

Mr. President, we are an irregular army of no-particular hue. We wear no uniform and are the antithesis of unity. We live in a world of miserable pay (the television stars are the exceptions), bad hours, stress, sometimes too much drink, and disrupted private lives. We write about everyone’s hurt but our own. But we love what we do and know when it matters; matters globally as much as domestically.

Dan Raviv, when he was with CBS, described his job his way, “I like to find out what’s going on and tell people.” Exactly.

For all of the academic talk about media and society, that is the job –finding out — and it is a great and important job. That is why thousands of news people work through the night, or crawl out of bed at 3 a.m., or risk their lives in places like Iraq, Syria and Congo, and will be working on Christmas Day and every other holiday. That is why we eat bad food out of machines, fly in cramped aircraft and go without sleep.

So journalists do not mind personally if you denigrate us, call our work “fake” and impugn our integrity or have your agent, press secretary Sarah Sanders, do so.

But, Mr. President, we do mind and we should mind, and we should be in a state of incandescent rage with the way you are damaging the truth and hurting America at home and, especially, abroad. We do mind and should mind and keep minding when you put journalists’ lives at risk in distant and hostile places.

And we should mind, and you should mind, when you and Sanders give aid and comfort to criminal coddlers, dictators, kleptocratic governments and oppressive regimes.

This scum, these men and women who trash decency as the inherent right of power, now fear the scrutiny of media less. They dismiss the incriminating as “fake.” It happens in Ankara, Beijing, Budapest, Damascus, Moscow, Nairobi, Riyadh and many other places.

You have provided the world’s malfeasants with the great blanket rejoinder: fake.

Everything not laudatory to the absuers is fake and the messengers, the journalists, trade in untruth and should be treated accordingly — as concoctors, fabricators, liars, spies and even traitors.

Mr. President, you have damaged the world’s safety valve and given huge comfort to the enemies of decency, openness and democracy.

You have armed the dictators with a pernicious weapon by undermining the freedom of the press to find out what is going on and publish it. You have spread the suffering of the politcal prisoner in distant jails and all who are suffering the brutality of oppression. Their hope is often only the faint light cast by inquiring media.

A great shame on you, Mr. President.

On Twitter: @llewellynking2
Llewellyn King is executive producer and host of "White House Chronicle" on PBS.

---------------------

Traduzione italiana

L'accusa "falsa" sta offrendo comfort e copertura ai dittatori

Signor Presidente, una delle cose che dovresti sapere, mentre il tuo primo anno tumultuoso si avvicina alla conclusione, è che gli Stati Uniti hanno i migliori media al mondo. Solo i media del Regno Unito lo rivaleggiano.

È un baluardo del sogno americano, dell'eccezionalismo americano.

Il suo ruolo di vettore di informazioni negli Stati Uniti è tanto importante quanto lo è al di fuori della nazione.

Questo è il motivo per cui la tua stanza della situazione nella Casa Bianca ha così tante notizie. Spesso, nonostante l'enorme apparato di raccolta di informazioni governative, sono i giornalisti che lo raccontano come se fosse il primo e fornissero informazioni utili.

È a causa dei media che sappiamo cosa sta succedendo in Myanmar, Siria, Yemen e Zimbabwe - anche all'interno della famiglia reale dell'Arabia Saudita.

Vorrei che la temerarietà suggerisse che anche tu, nonostante il tuo apparentemente patologico odio per tutte le informazioni che non concordano con le tue opinioni, e la tua amministrazione in tempi di crisi rivolgiti prima ai media, e specialmente a sbocchi come il New York Times e CNN. Nel profondo del cuore, sai che scoprirai cosa sta succedendo lì, non sulle reti politiche come Fox, One America News e Newsmax, e non attraverso i canali di informazione del governo.

Signor Presidente, siamo un esercito irregolare di colori non particolari. Non indossiamo uniformi e siamo l'antitesi dell'unità. Viviamo in un mondo di stipendi miserabili (le stelle della televisione sono le eccezioni), orari brutti, stress, a volte troppo bere e vite private sconvolte. Scriviamo del dolore di tutti ma nostro. Ma amiamo ciò che facciamo e sappiamo quando è importante; conta globalmente tanto quanto internamente.

Dan Raviv, quando era con la CBS, descrisse il suo lavoro a modo suo, "Mi piace scoprire cosa sta succedendo e dire alla gente." Esatto.

Per tutti i discorsi accademici sui media e la società, questo è il lavoro che sta venendo fuori - ed è un lavoro grandioso e importante. Ecco perché migliaia di giornalisti lavorano tutta la notte, o strisciano fuori dal letto alle 3:00 o rischiano la vita in luoghi come l'Iraq, la Siria e il Congo, e lavoreranno il giorno di Natale e ogni altra vacanza. Ecco perché mangiamo cibo cattivo dalle macchine, voliamo in aerei angusti e andiamo senza dormire.

Quindi ai giornalisti non importa se ci denigrate, chiamiamo il nostro lavoro "falso" e contestiamo la nostra integrità o chiediamo al vostro agente, il segretario stampa Sarah Sanders, di farlo.

Ma, signor Presidente, ci dispiace e dovremmo preoccuparci, e dovremmo essere in uno stato di rabbia incandescente con il modo in cui stai danneggiando la verità e ferendo l'America a casa e, soprattutto, all'estero. Ci preoccupiamo e dovremmo occuparci e tenere sotto controllo quando mettete a rischio la vita dei giornalisti in luoghi lontani e ostili.

E dovremmo preoccuparci, e dovresti preoccuparti, quando tu e Sanders date aiuto e conforto a criminali codardi, dittatori, governi cleptocratici e regimi oppressivi.

Questa feccia, questi uomini e donne che trasudano la decenza come diritto intrinseco del potere, ora temono meno l'esame dei media. Ignorano l'incriminante come "falso". Succede ad Ankara, a Pechino, a Budapest, a Damasco, a Mosca, a Nairobi, a Riyadh e in molti altri posti.


Hai fornito al malcapitato del mondo la grande controreplica generale: falso.

Tutto ciò che non è elogiativo per gli assuisti è falso e i messaggeri, i giornalisti, commerciano nella falsità e dovrebbero essere trattati di conseguenza - come concetrici, fabbricanti, bugiardi, spie e persino traditori.

Signor Presidente, lei ha danneggiato la valvola di sicurezza del mondo e ha dato grande conforto ai nemici della decenza, dell'apertura e della democrazia.

Hai armato i dittatori con un'arma perniciosa minando la libertà di stampa per scoprire cosa sta succedendo e pubblicarlo. Hai diffuso la sofferenza del prigioniero politico in carceri lontane e tutti coloro che stanno subendo la brutalità dell'oppressione. La loro speranza è spesso solo la flebile luce proiettata da media indagatori.

Una grande vergogna per te, signor presidente.

Su Twitter: @ llewellynking2
Llewellyn King è produttore esecutivo e conduttore di "White House Chronicle" su PBS.

 

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Esteri

Gio 21 Dicembre 2017 - 16:50





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS