User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Catalogna, Puigdemont in fuga in Belgio

La richiesta di asilo politico per adesso smentita dal legale dell'ex capo della Generalitat

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 31 Ottobre 2017 - 13:52


Immagine Principale



Barcellona, 31 ott 2017 - Solo qualche ora di gloria e Carles Puigdemont presidente destituito della Repubblica catalana è già in fuga in Belgio. Sul suo capo l'arresto spiccato dal procuratore generale spagnolo José Manuel Maza che lo ha indagato per ribellione, sedizione e malversazione,  insieme a cinque adepti che lo hanno sostenuto nella proclamazione in parlament dell'indipendenza della catalogna. Sulla fuga già  nell'aria, domenica il  primo ministro belga, Charles Michel prendendo le distanze al ministro per la Migrazione, Theo Francken, che aveva rilanciato  la notizia sulla richiesta d’asilo di Carles Puigdemont ha risposto non "gettare benzina sul fuoco" la questione ‘’Non è all'ordine del giorno". La pronuncia della Procura generale prevista lunedì 30 ottobre arriva puntuale a mezzogiorno e Puigdemonte è già in viaggio verso Bruxelles dove spera forse di avere l'appoggio del ministro nazionalista fiammingo per sottrarsi ad una incriminazione che potrebbe valere anche 30 anni di carcere. Sul tour della salvezza dei rivoluzionari è trapelato poco. Il gruppo di indipendentisti avrebbero lasciato in auto la Catalogna  per raggiungere Marsiglia da dove sarebberero giunti in aereo a Bruxelles.

L'ipotesi di un esilio in Belgio per Carles Puigdemont e i suoi compagni non appare semplice. L'apertura di Theo Francken, non darebbe alcuna garanzia per l'ottenimento di status di rifugiato politico alla comitiva ribelle. Il segretario di stato belga per le politiche di asilo e migrazione non ha infatti un buon seguito  per la sua dichiarata intolleranza verso gay e migranti e la sua amicizia con uno dei massimi fiancheggiatori fiamminghi dei nazisti durante la Seconda guerra mondiale, oggi ultra novantenne. 

Inoltre per l'Unione europea la concessione di asilo politico, che avviene solo in casi eccezionali che per lo più riguardano le minoranze etniche, significherebbe insinuare che la Spagna potrebbe avviare un processo non equo e garantista secondo i principi democratici del Paese.  Il Belgio vive in queste ore un momento di disagio e imbarazzo nei confronti di Madrid  e nella serata di ieri anche il partito nazionalista fiammingo N-Va ha precisato che ''se Puigdemont  è a Bruxelles, certamente non è stato invitato da noi".Intanto si attendono le dichiarazioni del proclamatore dell'indipendenza in Catalogna in risposta alla quale il premier Mariano Rajoy ha venerdì dato applicazione all'art. 155 in ripristino della democrazia e dell'ordine costituzionale catalano, destituendo Carles Puigdemont, assumendo funzioni e poteri del governo regionale e indicendo elezioni anticipate per il 21 dicembre, per dare voce ai cittadini della Catalogna lesi nei loro diritti. 

Paul Bekaert, legale belga di Puigdemont ha riferito che  per il momento non c'è l'intenzione di chiedere l'asilo: "Teniamo aperte tutte le opzioni e studiamo tutte le possibilità- ha dichiarato  il legale fiammingo- Abbiamo tempo". 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 31 Ottobre 2017 - 13:52





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS