User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Pellegrino – ospitalero precipita in un canalone in Trentino e muore

Josè Ignacio Colantonio italo-argentino proveniva dal Cammino di Santiago e la Francigena. Era un ospitalero allo Spedale della Provvidenza e d'estate lavorava al rifugio


:: Attualità

Dom 22 Ottobre 2017 - 15:17


Immagine Principale



Il corpo di Josè Ignacio Colantonio, 35 anni, italo-argentino di Mar del Plata, è stato trovato domenica privo di vita in fondo a un canalone, dal Soccorso alpino di Primiero – Vanoi dopo lunghe ricerche. L'uomo, secondo una prima ricostruzione dei fatti, è uscito sabato scorso per un escursione sul Monte Pavione ma durante il rientro pare che abbia sbagliato sentiero e probabilmente è scivolato nel canalone dove ha trovato la morte. Josè Ignacio Colantonio era arrivato a Imer in Trentino presso il rifugio Vederna quest'estate, dopo avere percorso la Via Francigena ed avere prestato opera come ospitalero per oltre un anno presso lo Spedale della Provvidenza di San Giacomo e San Benedetto Labre a Roma. Ed è proprio li che aveva conosciuto un altro ospitalero, amico  di Roberto e Mirella, i gestori del rifugio Vederna che gli ha consentito di svolgere l'attività di aiuto rifugista per il finale della stagione estiva in corso. E' la stessa Mirella Minute, anch'essa pellegrina con alle spalle il Cammino di Santiago che commenta addolorata: “Siamo senza paroleJosè era una persona veramente buona e speciale.” Sconcerto anche allo Spedale della Provvidenza da dove don Paolo Asolan, cappellano del Capitolo romano della Confraternita di San Jacopo di Compostela, è partito appena appresa la notizia, precipitandosi in Trentino: “Abbiamo tutti un ottimo ricordo di Josè – dice don Paolo - e siamo sconvolti di quanto successo. E' stato un grande ospitalero, molto bravo e molto amato, perchè essendo lui stesso un pellegrino sapeva bene come accoglierli.” Infatti Josè, oltre ad avere percorso la Via Francigena, aveva già completato anche il Cammino di Santiago e, al termine della stagione in montagna, sarebbe dovuto entrare in un monastero del Piemonte per un percorso di discernimento vocazionale prima del probabile rientro a Roma, in quella casa di accoglienza per i pellegrini che custodisce ancora alcuni sui effetti personali e gli abiti invernali. Nel suo ultimo post su Facebook si legge: “Stagione finita. Grazie italiani”. Ora si attende il via libera per il trasporto della salma in Argentina.

 

fonte: francigenanews.com 

Written by Massimiliano Scala


Stampa Articolo Print Img



Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Attualità

Dom 22 Ottobre 2017 - 15:17





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS