User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Catalogna.Rajoy: Puigdemont sleale. Cinque giorni per chiarire su indipendenza

Il premier spagnolo Mariano Rajoy chiede al capo dell'esecutivo catalano se ha dichiarato o no l'indipendenza della Catalogna. Madrid potrebbe invocare l'art. 155 che revoca l'indipendenza

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Mer 11 Ottobre 2017 - 23:20


Immagine Principale



Immagine: Mariano Rajoy

 

BarcellonaIeri sera al Parlamento catalano Carles  Puigdemont, indipendentista da sempre,con uno strano giro di parole,  è riuscito a riaffermare il diritto all’indipendenza della Catalogna sulla base dei  risultati del referendum del 1 ottobre, proponendo al tempo stesso di “sospendere” l’attuazione di questa dichiarazione per avviare un tavolo negoziale alla ricerca di una soluzione della quale però non ha precisato i contenuti.  

Nel suo discorso  enigmatico,  non chiaro che poteva essere interpretato a piacimento tanto sapeva di doppiezza,  Puigdemont   ha  affermato il diritto ad  una  dichiarazione d’indipendenza della regione catalana,  formalmente però non  presentata, per la quale il capo dell’esecutivo ha chiesto di sospenderne l’applicazione, come se la stessa fosse già in essere.   

"Un attacco sleale e pericoloso alla costituzione, all'unità della Spagna e alla convivenza pacifica dei cittadini’’ è l’accusa che il premier spagnolo Mariano Rajoy  ha fatto  a Puigdemont. Una sfida inaccettabile emersa  nel discorso del presidente della Generalitat che il  governo spagnolo non ha tollerato e accettato soprattutto per i netti contorni di ambiguità.

Rajoy,  oggi in conferenza stampa,  a margine del Consiglio dei ministri e dopo alla Camera dei deputati dove ha riferito sulla  vicenda catalana ha puntualizzato che Carles  Puigdemont  dovrà assolutamente chiarire orni  entro 5 g  se ha dichiarato o meno l’indipendenza in Catalogna, altrimenti il  ricorso all’art. 155  della costituzione che revoca l’autonomia di una regione sarà la conseguenza  immediata e con precisione prevede che, nel caso un governo regionale  non rispetti gli obblighi stabiliti dalla legge dello Stato spagnolo o minacci l’interesse della nazione, Madrid è legittimata a  “prendere le misure necessarie per obbligarlo” ad adeguarsi. In concreto, il governo centrale può subentrare a quello locale assumendone competenze e controllandone le istituzioni dino alla destituzione di presidente e governo. Il che provocherebbe pericolose tensioni.  

E’ necessario che ''Puigdemont  dica  se ha o no dichiarato l’indipendenza''. La  risposta eviterà  confusione generale e il perdurare di tensioni economiche e sociali oltre ad indicare  la strada che il premier spagnolo dovrà seguire. "È urgente mettere fine alla situazione che si sta vivendo in Catalogna e che torni la stabilità e la tranquillità nel più breve tempo possibile. Serve procedere con prudenza e responsabilità", ha detto il premier Rajoy. Il tempo per il chiarimento dato dal premier spagnolo scadrà lunedì prossimo, cinque giorni da oggi . Se la risposta fosse negativa   Puigdemont entro giovedi 19 ottobre  dovrà rettificare per  evitare che il governo di Madrid dia applicazione all’art. 155.

L’apertura al dialogo avanzata ieri in Parlamento dal capo della generalitat, è comunque una possibilità da tenere in considerazione secondo  Podemos, il partito politico spagnolo di sinistra, che da importanza alla salvaguardia di unità nazionale  attraverso un tavolo negoziale più che facendo ricorso all’art. 155, la cui attuazione potrebbe verificarsi in pochi giorni con l’approvazione a maggioranza assoluta del Pp in Senato.  

Intanto domani a Barcellona gli unionisti  torneranno in piazza. "Catalogna sì, Spagna anche" Sarà lo slogan che animerà la manifestazione convocata da Societat Civil Catalana, organizzazione anti secessionista della società civile catalana. 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Mer 11 Ottobre 2017 - 23:20





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS