User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

:: Magazine

Como, i vincitori del Premio Antonio Fogazzaro 2017

Proclamati nello splendore di Villa Gallia, i vincitori dei concorsi letterari della decima edizione del Premio


:: Rubrica

Mar 12 Settembre 2017 - 16:58


Immagine Principale

Immagine PrincipaleImmagine Principale

Immagini:1. I finalisti; 2. Un momento della premiazione; 3. Vincitori sezione racconto inedito.

 

COMO - Sono stati proclamati nello splendore di Villa Gallia a Como, i vincitori dei concorsi letterari della decima edizione del Premio Antonio Fogazzaro, che ha visto una partecipazione da record con oltre 630 racconti inediti, 84 i libri partecipanti al concorso di poesia edita e più di 400 i testi validi per la sezione Qualità del concorso di Microletteratura e social network.

Alla cerimonia di premiazione condotta da Rossella Pretto, insieme al curatore del Premio Alberto Buscaglia, hanno presenziato Bruno Corda, Prefetto di Como, Maria Rita Livio, presidente della Provincia di Como, Maria Grazia Sassi, Consigliere della Provincia di Como, Diego Minonzio, direttore del quotidiano La Provincia e, tra i giurati, Gian Paolo SerinoAndrea FazioliMario Santagostini e Laura Garavaglia.

 

Ideato per far emergere nuovi talenti letterari e promuovere la giovane poesia in lingua italiana e in dialetto, il Premio Antonio Fogazzaro in questi dieci anni di attività ha contribuito a ridestare l’attenzione sulla figura e l’opera di Antonio Fogazzaro.

 

RACCONTO INEDITO

Vincitore della sezione Racconto inedito, che aveva come tema “Uno, nessuno e centomila… la vita o la si vive o la si racconta”, è Ivan Sergio Castellani (Monza) con “Il nero è di rigore”, per aver dipinto, in modo elegante e convincente, un racconto in cui storia e letteratura si incontrano, dalle pagine biografiche di Pirandello ai suoi personaggi immortali, sullo sfondo nero del fascismo.

Seconda classificata, alla quale è andato il Premio Speciale “Nino Ratti”, Manuela Giacchetta (Ancona) con “I numeri di Anna Recanatini”, per aver suggerito che nei numeri che raccontano con fine umorismo e scrittura originale la vita di Anna Recanatini ci possiamo rispecchiare Tutti, Nessuno e Centomila.

Terzo, Massimo Daleffe (Bergamo) con “Fuliggine”, per la capacità di raccontare “la banalità del male” dell’Olocausto svelando con tagliente oggettività gli aspetti più quotidiani e marginali di una criminale complicità collettiva.

Ricordiamo i finalisti giunti a pari merito: Rosa Maria Corti (Tremezzina, CO) con “Gli amanti del lago di Mezzola”,Pietro Federico (RM) con Anatolie Dragomir, Luca Giambelli (RM) con “L’uomo del cavalcavia”Ivano Mugnaini (Massarosa LU) con “Cielo d’Alcamo, Pessoa e una bicicletta rossa”Roberto Parietti (Montegrino Valtravaglia VA) con “Sguardi fugaci da un breve matrimonio”.

I vincitori sono stati scelti tra gli oltre 630 racconti pervenuti dalla giuria formata da Giovanni Cocco, Andrea Fazioli, Gianmarco Gaspari (Presidente), Gian Paolo Serino, Linda Terziroli e dal comitato di lettura formato da Chiara Barra, Alyssa Cadario, Stella Gariboldi e Rossella Pretto.

 

POESIA EDITA

Per la poesia edita in lingua italiana e dialetto la giuria composta da Maurizio Cucchi, Laura Garavaglia, Tiziana Piras, Mario Santagostini (Presidente) e Matteo Vercesi ha assegnato il primo posto ex aequo a Gaia Formenti (Milano) con “Poesie criminali” (stampa2009, 2016) e Francesca Serragnoli (Bologna) con “Aprile di là” (LietoColle, 2016).

Gaia Formenti, nel suo strano, anomalissimo libro di poesie, racconta il male omicida, senza alcuna retorica, fascinazione o tensione a realismi storicamente pregressi. Da un lato, il nudo e asettico reperto protocollare, dall’altro quello chepossiamo definire il commento in versi o la versione poetica. Forse, è questo il modo più efficace di raccontare qualcosa di atroce e incomprensibile come un delitto: tenendosi a una distanza che sfiori l’impersonalità.

Il lessico di Francesca Serragnoli, inveceabbandona raramente quello della lingua viva. Ma se va definito, allora si deve chiamarlo duro, o acuminato, o petroso. A questo fa da contrasto una gabbia ritmica che tende, invece, al cantabile, alla rarefazione dei contrasti, dove il disordine tende a trascendere le strutture normalizzanti con cui, volta per volta, deve fare i conti. Ma questo è, a ben vedere, proprio il destino di ogni poesia attraversata da forti tensioni mistiche che vorrebbe alzarsi oltre la cantabilità.

 

I poeti giunti finalisti a pari merito: Sergio Gallo (Savigliano CN) con la raccolta “Corvi con la museruola”Eleonora Rimolo (Nocera SA) con “Temeraria gioia”Federica Volpe (originaria di Carate Brianza MB) con “Parole per restare”Michelangelo Zizzi (Martina Franca TA) con “La resistenza dell’Impero”.

 

MICROLETTERATURA E SOCIAL NETWORK

La competizione più social della famiglia dei concorsi letterari del Premio Antonio Fogazzaro, il concorso diMicroletteratura e Social Network, si è ispirato alla famosa dichiarazione di Luigi Pirandello “La vita o la si vive o la si racconta”.

La Giuria letteraria composta da Alberto Buscaglia, Rossella Pretto e Gian Paolo Serino ha assegnato il Premio “Qualità” Salvatore Dario D’Angelo, alias Gelando Arido (Parma), per aver raccontato con indulgente ironia e una scrittura minimalista l’inetta quotidianità di un “uomo senza qualità”, somigliante a uno, nessuno e centomila.

Secondo classificato Emiliano Dominici, alias Memi Lioni (Livorno), per aver raccontato con una scrittura asciutta e precisa la scoperta della vita e della morte attraverso lo sguardo precocemente consapevole di un bambino che diventa dolorosamente adolescente.

Terza Stefania Vota (Battipaglia, SA), per lo stile surreale con il quale l’autrice racconta le vite plurime e scambievoli di Carneeossa, una creatura astratta e volubile che però tutti ci comprende.

Inoltre, la giuria ha deciso di assegnare un Premio Speciale “Digital Evergreen” a Alberto Albertini, classe 1927, per i suoi contributi di microletteratura, un meditato dialogo con se stesso nella continua ricerca del senso della vita.

La giuria popolare della pagina Facebook ha invece assegnato la vittoria ad Alvaro Tanganelli (Arezzo), con il microracconto “È tempo di vivere”. Secondo posto Renato Miritello alias Rene’ Miri (Torino) con  “Il teatro delle operazioni”.

 

Tutti i testi premiati e finalisti dei concorsi letterari e un’ampia selezione di quelli pervenuti al concorso di Microletteratura, sono pubblicati nel volume antologico del Premio Antonio Fogazzaro 2017 offerto ai premiati da New Press Edizioni.

 

 

Il Premio Antonio Fogazzaro è patrocinato da MiBACT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; Regione Lombardia; Provincia di Como, Settore Cultura; Comune di Como; Camera di Commercio Como; Università degli Studi dell’Insubria; Accademia Olimpica di Vicenza; Comunità di Lavoro Regio Insubrica.

Con il contributo e sostegno di Fondazione Cariplo; BiM Consorzio Bacino Imbrifero Montano del Ticino in Provincia di Como di Porlezza; Comune di Valsolda; BCC Credito Cooperativo Lezzeno.

Partner e Sponsor New Press Edizioni; La Provincia; Parolario; Allianz Agenzia di Porlezza; Famiglia Ratti; Hotel Stella d’Italia; Hotel Metropole & Suisse; Hotel Merloni; Domasino; Marco d’Oggiono Prosciutti; Comune di Grandola ed Uniti; FAI.

 

 

Per informazioni:

info@premioantoniofogazzaro.it - www.premioantoniofogazzaro.it

Facebook: facebook.com/PremioLetterarioAntonioFogazzaro                                

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Rubrica

Mar 12 Settembre 2017 - 16:58





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS