User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Qualche domanda al nuovo direttore generale della Rai

di Nuccio Fava


:: Editoriale

Sab 08 Luglio 2017 - 18:19


Immagine Principale



Immagine: Nuccio Fava

 

Caro direttore, innanzitutto buon lavoro. Le forze politiche ti hanno passato una patata molto calda che tu hai accettato senza resistenza alcuna. I partiti hanno interesse a fare orecchie da mercante e si rimpallano reciprocamente responsabilità e strumentalizzazioni. Da anni ormai ho lasciato l’azienda ma mi addoloro vedendola in che stato è ridotta. La Rai non è infatti del direttore generale, né della presidente, né del consiglio. Nemmeno della commissione di vigilanza. La Rai è di tutti i cittadini, indipendentemente dalle loro scelte di voto e dalle etichette partitiche. Che senso ha caratterizzare il tuo programma con la scelta di Fazio, e a che prezzo? Che senso ha annunciare sforzi titanici per avere Benigni o la Clerici a San Remo? La tentazione forte è dire ad alta voce “come siamo caduti in basso”. Le stesse modalità della tua successione a Campo Dell’Orto restano opache e senza chiare motivazioni. Sono fortunatamente in campagna e mi godo Wimbledon su Sky; Rai sport nemmeno un fotogramma sul torneo più importante del mondo. Anche la delicata materia dei contratti stramilionari dei calciatori, procuratori, società e attese dei tifosi richiederebbero forse un qualche contributo di riflessione e non semplici annunci da mercante in fiera. Esprimono problemi cruciali delle nostre società complicate, non meno della corruzione e della mafia, spesso esauriti nei pochi secondi di un servizio giornalistico.

Se poi ampliamo lo sguardo ai grandi temi della crisi dell’Europa, di Trump e dell’espansionismo di Putin, del terrorismo e della tragedia dei migranti, della emergenza climatica, del lavoro e dei giovani nella crisi dei sistemi formativi, nella difficoltà delle famiglie, della tragedia della droga e dei suoi legami indissolubili con ‘ndrangheta e mafie interne e internazionali, la Rai dovrebbe sentirsi fortemente interpellata  ed esprimere una ininterrotta campagna informativa, culturale e civile, anche politica in senso alto e non partitico. Anche le gravi difficoltà non solo politiche che attraversano nel profondo la società italiana a cominciare dai rapporti con l’Europa, il suo ruolo futuro nella nuova globalizzazione diseguale e prevaricatrice. Basta un semplice esempio : il presidente della Repubblica è stato ad Agrigento per il centenario pirandelliano. I notiziari Rai ne hanno dato adeguata notizia “istituzionale”. Può bastare? Il centenario di Luigi Pirandello nella crisi culturale contemporanea non meriterebbe di più? Bastano “che tempo che fa”e forse Benigni, o forse se ne occuperà la Clerici? Temo per paradosso che non pochi italiani dinnanzi alle splendide immagini di Vigata e dintorni finiranno per ritenere Pirandello un collega del commissario Montalbano o un collaboratore dell’affaticato Camilleri. Scusami, direttore,  dell’incursione un po’ “corsara”ma la Rai e l’Italia si meritano urgentemente una qualità migliore. Ancora buon lavoro,

     

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Editoriale

Sab 08 Luglio 2017 - 18:19





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS