User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Migranti. Austria dietrofront sui controlli al Brennero

Dopo la convocazione della Farnesina dell'ambasciatore austriaco in Italia ed il colloquio tra il premier Gentiloni e il cancelliere Ker, si apprende che l'Austria non impiegherà l'esercito al valico del Brennero

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Mer 05 Luglio 2017 - 17:32


Immagine Principale



Dietrofront dell’Austria alla frontiera del Brennero. Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi dove stamattina il premier Paolo Gentiloni ha avuto un colloquio telefonico con il cancelliere austriaco Christian Ker secondo cui "L'Austria non eseguirà alcun controllo ai confini del Brennero al momento e non sta per ricorrere all'impiego dell'esercito nell'immediato". Dopo le polemiche tra Roma e Vienna dei giorni scorsi e di ieri in particolare sull’ annuncio del  ministro della Difesa austriaco, Hans Peter Doskozil  sui  controlli rafforzati al confine  con il Brennero ''con l'ausilio di 750 soldati, se dall’Italia non rallenta il flusso di migranti’’, oggi l’Austria aggiusta il tiro.

 

 Nei giorni precedenti, ad aumentare la tensione tra i due paesi, non sono mancate le affermazioni del ministro degli Esteri e leader del Partito Popolare Sebastian Kurz , che respingendo al mittente le accuse di non accoglienza dei migranti , aveva sottolineato pungente che il paese austriaco ha  ‘’ accolto più persone di quanto non abbiano fatto gli altri stati europei".’’

 

E’ evidente che non c'è alcuna emergenza al valico del Brennero’’-  ha detto ieri il ministro dell’Interno Marco Minniti -  non giustificando la minaccia delle misure restrittive al confine in quanto la situazione dei migranti al valico è assolutamente nella norma. Minniti  ieri ha anche  definito  l’ iniziativa dell’Austria di schierare l’esercito ‘’ ingiustificata e senza precedenti" che se non ‘’immediatamente corretta avrebbe comportato inevitabili ripercussioni nella cooperazione in campo di sicurezza tra due Paesi che hanno fatto dell'amicizia e delle positive relazioni transfrontaliere un elemento fondamentale dei loro rapporti". La Farnesina già nella giornata di ieri ha convocato l’ambasciatore austriaco a Roma ed oggi, dopo il colloquio  tra Gentiloni e  il cancelliere Kerr si è registrato un  cambio di rotta importante  di Vienna rispetto al minaccioso dispiegamento di uomini e mezzi al confine del Brennero.  Da Palazzo Chigi quindi apprezzamento per i risvolti positivi della questione ‘’ la collaborazione tra le forze di polizia  produce ottimi frutti e si basa sul rispetto da entrambe le parti delle regole europee, senza alcun bisogno di truppe o mezzi militari da schierare alla frontiera’’.

 

 Smontata in 48 ore la farsa elettoralistica dell'Austria il 15 ottobre al voto per eleggere il nuovo parlamento. Opinione comune di molti osservatori ed anche del sindaco di Brennero Franz Kompatscher, secondo cui si sarebbe trattato della strategia elettorale di Kurz,  il nuovo leader del centro destra, che per ottenere più consensi sottraendoli al partito Fpoe  delle Libertà di estrema destra, avrebbe seguito la linea dura dei migranti,  in vista delle elezioni anticipate del parlamento, dopo il totale fallimento della grande coalizione che ha messo insieme socialdemocratici e popolari. 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Mer 05 Luglio 2017 - 17:32





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS