User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Successo per ''Le colonne siamo noi'' al Teatro Anfitrione di Roma per un Nuovo Umanesimo

Oltre 40 attori di diverse etnie e religioni si sono esibiti sulla scena per affermare la necessità dell'impegno individuale per un mondo migliore


:: Cultura Arte Spettacolo

Mar 06 Giugno 2017 - 14:07


Immagine Principale



ROMA - Grande successo sabato 3 giugno al Teatro Anfitrione di via San Saba a Roma dello spettacolo teatrale "LE COLONNE SIAMO NOI". Lo spettacolo era organizzato dalla Compagnia 50&Più Università, con il patrocinio e la collaborazione di Unipax, Fondazione Etica ed Economia, Associazione Nazionale Bersaglieri, Civicrazia, Triskel, Effe2Edizioni, River. Oltre 40 attori di diverse etnie e religioni si sono esibiti sulla scena per affermare la necessità dell'impegno individuale per la costruzione di un mondo migliore, un Nuovo Umanesimo del quale appunto "LE COLONNE SIAMO NOI", noi popoli delle Nazioni Unite........ Lo spettacolo si è liberamente ispirato al saggio di Orazio Parisotto " La rivoluzione globale per un nuovo umanesimo", Effe2Edizioni. Si è trattato di un lavoro artistico culturale che, divertendo, ha richiamato, in questo momento storico che stiamo vivendo, la necessità dell’impegno sociale ed etico nel rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo e dei popoli. “Il nostro vuole essere un messaggio di pace e di amore che vada oltre le divisioni del mondo di oggi (guerre, lotte per il potere, individualismi………)” ha commentato Maria Teresa Spina, regista della Compagnia teatrale 50&più Università, che ha ideato e diretto la rappresentazione “Purtroppo non si pensa ad allungare la mano a quelli che soffrono che a volte sono i nostri vicini di casa. Bisogna allora superare le differenze religiose o il colore della pelle per tentare di cambiare ogni singolo individuo e poter così cercare di cambiare anche il mondo. Il girotondo finale dello spettacolo vuole significare che è necessario tenersi per mano e non pensare solo a se stessi. Per questo ho voluto coinvolgere sulla scena, in un confronto  intergenerazionale e interreligioso i giovani e gli anziani, insieme ai rappresentanti dell’ebraismo, del cattolicesimo, dei musulmani, buddhisti, induisti, sufisti che hanno interpretato sul palcoscenico la preghiera come mezzo di comunione a prescindere da come si chiama il Dio che si ama, attraverso i diversi  modi di pregare da soli o in comunità, con la parola o il pensiero, con la musica o la danza”. Visto il successo ottenuto si prevedono repliche sia a Roma che a Palermo.

 

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Cultura Arte Spettacolo

Mar 06 Giugno 2017 - 14:07





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS