User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Trump in Israele. Terra Santa "Abbiamo chance di arrivare alla pace"

Pomeriggio Donald Trump incontrerà il premier israeliano Benyamin Netanyahu, domani mattina il colloquio con il presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas)

di Mimma Cucinotta


:: Esteri

Lun 22 Maggio 2017 - 16:58


Immagine Principale



Dopo la bufera della settimana scorsa abbattutasi su Donald Trump, circa le  sue relazioni con la Russia, durante e dopo la  campagna elettorale per le presidenziali, oggi il presidente, è volato in Israele e  si recherà  anche in Cisgiordania. 

 

Le voci che da tempo rimbalzavano sui media di tutto il mondo, circa i rapporti intrattenuti da Trump  con la Russia appaiono fondate. A confermarle  il Washington Post, secondo cui  il presidente Usa  avrebbe informato Sergej Lavrov, ministro degli esteri russo, e Sergej Kisljak, ambasciatore di Mosca negli Stati Uniti, su un piano di attacco dell’Isis agli alleati degli Usa. Informazioni dunque molto riservate, definite parola in codice, per indicare l'alto livello d'intelligence.  

 

Il presidente Trump, non solo non ha smentito la notizia ma l'ha addirittura confermata. In un twitter largamente diffuso, ha ammesso di aver avuto uno scambio di notizie con la nomenclatura russa, ritenute da lui stesso riservate, ma per le quali però avrebbe sostenuto di essere in diritto di parlarne. Il confidente del presidente sembra sia stato l'Israele, alleato Usa, attraverso un colloquio segreto ai più e perfino al management americano.

 

Ed è proprio in Israele che oggi il presidente Usa  è atterrato con l'Air Force One  presidenziale alle 11.30 di stamattina all'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv, dove ad accoglierlo sono stati  il premier Benjamin Netanyahu, il presidente Reuven Rivlin e l'intero governo. Nella sua visita, Trump incontrerà sia il premier Benyamin Netanyahu, oggi pomeriggio, sia il presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas), domani mattina. Trump si oggi si recherà a visitare il Muro del Pianto e il Santo Sepolcro , mentre domani sarà la volta del Mausoleo della Memoria a Gerusalemme a Yad Vashem.

 

 Il  presidente degli Stati Uniti è partito per la due giorni in Israele al centro di un vortice che lo ha colpito su vari fronti e lo ha messo  ‘’sotto pressione’’, come lui stesso avrebbe riferito ai funzionari russi a causa dell’inchiesta delle interferenze con il Cremlino.  Lo ha rivelato il New York Times il 19 maggio. Dalla conversazione sarebbe emerso che l’allontanamento di Comey, direttore dell’Fbi,   avrebbe permesso a Trump di bloccare l’indagine in corso.

 

A Comey  è subentrato Robert Mueller,  già alla guida negli anni passati dell’Fbi.  Scelta più che azzeccata. Mueller gode di ampia stima in ambito politico e la sua nomina ha allentato  la tensione intorno a Trump. La gestione dell’inchiesta sarà sicuramente può indipendente nelle mani di Mueller e in questo  la richiesta dell’opposizione di trasferire l’indagine ad un organo fuori dal controllo di  Washington,  sarà parzialmente  soddisfatta.  Pur rimanendo un margine di discrezionalità  nell’azione di Robert Mueller, nominato dalla Casa Bianca, la supervisione  infatti spetterà al vice ministro della Giustizia statunitense.

 

Trump dunque in visita in Israele, Paese alleato con il quale segue in Siria una linea contrapposta alla Russia. Molto critica la posizione del presidente per via degli  atteggiamenti, per così dire, poco istituzionali dubbi e controversi sul piano della strategia internazionale degli Stati Uniti  nel paese siriano,  dove con Israele è da intralcio alla politica del Cremlino che insieme all’Iran, sostiene il regime di Bashar al Assad.

 

La Pace in Terra Santa è il tema, non appena giunto all’aeroporto  Ben Gurion di Tel Aviv, su cui  il presidente Trump si è soffermato. "Abbiamo chance di arrivare alla pace" "Nel mio viaggio ho trovato nuove ragioni di speranza".  Sono venuto per ribadire  il legame che non può essere spezzato tra Stati Uniti e Israele". "Abbiamo un'opportunità rara di portare stabilità e pace nella regione", ha detto ancora Trump, nella prima fase del suo viaggio all’estero.

 

 


Ultima modifica Lun 22 Mag 2017 - 19:30


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Esteri

Lun 22 Maggio 2017 - 16:58





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS