User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Mercoledì 12 aprile ore 20.00 al Palacultura una serata - sfilata in favore di Misericordia

La moda nazionale a Messina per il Premio Madama

Sacco, Miracula, Casablanca, De Vincenzo, diLiborio, Saccone, Guarducci, e Ciambella riceveranno il riconoscimento in ricordo della stilista messinese Mimma Ferraro


:: Moda

Sab 08 Aprile 2017 - 12:10


Immagine Principale

Immagine PrincipaleImmagine PrincipaleImmagine Principale

Immagini: I premiati -  Casale, Cavaleri, Ferraro e Delia.

 

MESSINA - Gli stilisti di Liborio, Franco Ciambella, Marco De Vincenzo, Roberto Guarducci, Amelia Casablanca,  l'orafo Gerardo Sacco, la giornalistaAgata Patrizia Saccone e l'imprenditore Filippo Miracula sono i nomi scelti per ricevere il Premio Madama edizione 2017: appuntamento mercoledì 12 aprile al Palacultura di Messina per una serata all'insegna dell'Alta Moda dedicata alla stilista messinese degli anni '50-'70, Mimma Ferraro. Otto illustri personalità del settore pronti a raccontare la loro carriera e i loro successi: presenteranno alcuni abiti delle nuove collezioni e, in alcuni casi, porteranno capi o creazioni che li hanno resi "celebri" nelle passerelle del mondo o racconteranno i prossimi progetti e traguardi. 

 

Si è svolta ieri nella Sala Giunta di Palazzo dei Leoni la conferenza stampa di presentazione del Premio Madama, ideato dai giornalisti Patrizia Casale Massimiliano Cavaleri, già promotori di cinque edizioni di MareFestival Salina - Premio Troisi con l'associazione culturale Prima Sicilia: hanno preso parte all'incontro Carmelo Ferraro, nipote di Mimma "Madame Ferraro", che ha ricordato come sua zia "ha portato la moda in riva allo Stretto, a Reggio Calabria e l'aristocrazia siciliana vestiva l'atelier Ferraro, pechè lei collaborava a stretto contatto con Chanel, Dior, Yves Saint-Laurent..."; il presidente di Misericordia di Messina Pietro Delia per sottolineare l'importanza della sposalizio tra la moda e una causa benefica così nobile come quella di Misericordia, al fine di raccogliere fondi per l'acquisto di un'ambulanza, dando un uovo di Pasqua a chiunque farà un'offerta libera durante lo spettacolo e hanno ringraziato Giovanni Capone, direttore vendite della Commerciale Gicap Spa per la donazione ricevuta; il presidente e vicepresidente del CRAL Gaetano Antonazzo e Sergio Lanzafame e la presidente dell'AMMI (ass. Mogli Medici) Francesca De Domenico Leonardi, i quali hanno patrocinato l'inizativa fin dalla sua nascita. 

 

Durante la serata (ingresso gratuito, inizio ore 20.00), che avrà come ospite la dj Helen Brown e sarà presentata da Cavaleri insieme con la collega Marika Micalizzi, sfileranno una trentina degli abiti di Mimma Ferraro custoditi al Museo del Costume e della Moda Siciliana di Mirto (ME) per gentile concessione del direttore Giuseppe Miraudo. Sono state esposte in anteprima anche i Premi Madama: sculture - statuette di resina e gesso, alte 35 cm che raffigurano una donna sinuosa ed elegante, con un abito lungo di colore rosso, realizzate dal maestro Antonello Arena. L'evento è patrocinato da Comune di Messina e Città Metropolitana di Messina e si svolge in collaborazione con le associazioni AMMI sezione di Messina, CRAL, Atreju, Istituto Alberghiero Antonello, Nonsolocibus, San Lorenzo Confezioni, Commerciale Gicap Spa, Damiano Malfi Assicurazioni, Miscela d'Oro, Bisazza Gangi Viaggi e Turismo, Gruppo Formula 3, Mohd Mollura Home Design, PVK, Costa Gioielli, Carla G 4 Piazza Fulci, Profumerie Griffe, Gentile Group Compagnia della Bellezza, B&B Messina 41 Guesthouse, Dimensione Verde, Rimodella, Stampa Open e 1983 Number One.  

 

PREMIO MADAMA 2017

 

LA MADAMA FERRARO

 

Una storia di moda e d’amore per la città di Messina Fra gli anni '50 e '60 quando anche a Messina si viveva l’atmosfera della Dolce Vita nel suo frequentato atelier di via Risorgimento n. 93 creava moda Mimma Ferraro, anzi la Madama Ferraro, come tutti in segno di rispetto e quasi di timore la chiamavano. Era una donna di grande personalità Domenica Ingegnosi, in arte Mimma Ferraro rigorosamente con il cognome del marito. Era abile, creativa, furba, intraprendente elegante come la sua moda. Mimma Ferraro era preferita dalla migliore aristocrazia di Messina, Reggio Calabria e della Sicilia. Le future spose la volevano perché le faceva sentire come le libellule. Era un must del tempo vestire la richiestissima couturier. La Madama Ferraro nacque a Vittoria il 7 febbraio del 1910, a 10 anni si trasferì a Messina con la famiglia (in parte originaria di Casalvecchio Siculo) cominciò a lavorare ad appena 13 anni, a 18 sposò Carmelo Ferraro dal quale ebbe 6 figli. La sua non fu una vita facile, fu piena di gioie ma anche di grandi dolori per via delle malattie e della morte di alcuni figli. La passione per il suo lavoro l’aiutò a superare tanti dispiaceri. “I tessuti mi parlano” amava dire e lei era così innamorata della sua arte che faceva mille rinunce pur di andare a Milano in via Montenapoleone a procurarsi i tessuti originali. La sua attività veniva persino prima della casa che comprò “a scompito”. Per raggiungere Parigi viaggiava tre giorni e tre notti in treno su sedili di legno in terza classe, ma la stanchezza magicamente spariva davanti allo spettacolo dell’ alta moda. Qui acquistava i “patron” e cioè i cartamodelli che poi imparò a far suoi con lo sguardo e soprattutto incontrava Balenciaga, Coco Chanel, Yves Saint Laurent, Christian Dior dai quali Madame Ferraro era considerata una di loro. Particolare fu il rapporto con Coco Chanel, alla quale l’accomunava l’amore per il lino e l’organza unita ai ricami, fece amicizia con l’allora giovane Saint Laurent che in quegli anni faceva i disegni per Dior .Molto stretta fu anche la collaborazione con lo stesso Dior tanto che le concedette persino una delle top dell’epoca la celebre Alla che insieme alle note Gigliola, Marta Vacòndio (poi in Marzotto) varcavano lo stretto e rendevano gli affollatissimi defilè di Mimma Ferraro alla Tavernetta ed al Grand Hotel Angelo Musco uno spettacolo di assoluta alta moda. Mimma Ferraro portava a Messina ed in Sicilia un’immagine della grande moda francese. Lei non si limitava a riprodurre gli abiti, li trasformava e li ricreava sulle sue clienti, nascondeva i difetti delle signore e le accontentava sempre, educandole al buon gusto dell’alta moda. Il suo tocco finale, erano i fiocchi di tessuto, il suo segno distintivo che usava a profusione. Mimma Ferraro vestì le donne messinesi di un ventennio, ma anche calabresi, siciliane e napoletane. Attraverso le first lady delle più importanti famiglie della città i suoi abiti arrivavano alla “Prima della Scala di Milano”; star come Joan Crawford e Gina Lollobrigida durante la rassegna del Cinema di Messina e Taormina volevano essere seguite da lei. Fra le sue tante clienti anche la signora Versace di Reggio Calabria, madre del piccolo Gianni (poi divenuto il grande stilista) che portava con sé in atelier a Messina. “Era ancora un bimbo quando insieme alla mamma veniva in sartoria da mia madre” Ricorda Mariantonella Ferraro, figlia di Mimma Ferraro. “Era vivace e per farlo stare buono giocavamo, disegnavamo insieme e già si vedeva che aveva una bellissima mano, un vero talento. Nei salotti verde e rosso di mia madre Gianni cominciò ad innamorarsi della moda.” Mimma Ferraro scomparve il 15 novembre del 1982. Oggi della “Madama” restano i ricordi, una selezione di 30 anni di moda dai '50 fino ai '70 custodita a Mirto (ME) nel Museo del Costume e della Moda Siciliana diretto dall’architetto Giuseppe Miraudo ed un atto d’amore. Pur godendo di tanto successo lei non volle mai lasciare Messina. “La nostra città” diceva “Doveva conoscere l’arte della moda e io non me ne voglio andare”. Per celebrare il suo prestigio ed i sentimenti di appartenenza alla città di Messina è nato il Premio Madama.

                                                                                                                  Patrizia Casale

 

Si ringraziano per la consulenza Maria Antonella Ferraro e l’architetto Nino Principato. 


Ultima modifica Sab 08 Apr 2017 - 12:11


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Moda

Sab 08 Aprile 2017 - 12:10





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS