User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Sicurezza stradale : La Commissione europea pubblica dati 2016 incorraggianti

Occorre proseguire negli sforzi


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 28 Marzo 2017 - 18:58


Immagine Principale



Immagine:Violeta Bulc, Commissaria per i Trasporti

 

La Valletta, 28 marzo 2017 - Le statistiche del 2016 sulla sicurezza stradale pubblicate oggi dalla Commissione europea mostrano che nell'ultimo anno il numero delle vittime è diminuito del 2%.

Le statistiche del 2016 sulla sicurezza stradale pubblicate oggi dalla Commissione mostrano che nell'ultimo anno il numero delle vittime è diminuito del 2%. Nel 2016 hanno perso la vita sulle strade dell'UE 25 500 persone, 600 in meno rispetto al 2015 e 6 000 in meno rispetto al 2010. Secondo i calcoli della Commissione altre 135 000 persone sono rimaste gravemente ferite.

Il 2016 segna il ritorno di una positiva tendenza al ribasso dopo due anni di stasi; negli ultimi sei anni il numero delle vittime della strada si è ridotto del 19%. Benché incoraggiante, questo ritmo potrebbe essere insufficiente se l'UE vuole raggiungere l'obiettivo di dimezzare il numero di vittime della strada tra il 2010 e il 2020. Ciò impone di intensificare gli sforzi di tutte le parti interessate e in particolare quelli delle autorità nazionali e locali, responsabili della maggior parte degli interventi quotidiani, come l'applicazione delle norme e la sensibilizzazione.

Violeta Bulc, Commissaria per i Trasporti, ha dichiarato: "Le statistiche odierne indicano un miglioramento, che dobbiamo portare avanti. Ma non sono i numeri a preoccuparmi: ciò che mi sta più a cuore sono le vite perse e le famiglie delle vittime. Proprio oggi altre 70 persone moriranno sulle strade dell'UE e un numero cinque volte più alto subirà ferite gravi! Invito tutte le parti interessate a intensificare gli sforzi in modo da raggiungere l'obiettivo di dimezzare il numero delle vittime della strada tra il 2010 e il 2020."

La probabilità di morire in un incidente stradale varia da uno Stato membro all'altro. Sebbene il divario si riduca di anno in anno, chi vive in uno degli Stati membri con il più alto tasso di mortalità ha ancora più del triplo delle probabilità di rimanere vittima di un incidente stradale rispetto a chi vive in uno dei paesi con il tasso più basso.

Il 2016 è stato inoltre il primo anno per il quale la Commissione ha pubblicato i dati relativi agli incidenti stradali gravi in base a una nuova definizione comune. Sulla base di questi dati, provenienti da 16 Stati membri che rappresentano l'80% della popolazione dell'UE, la Commissione stima che in tutta l'UE siano rimaste gravemente ferite 135 000 persone. Gli utenti vulnerabili della strada, quali pedoni, ciclisti e motociclisti, rappresentano una quota consistente dei feriti gravi.

 

Conferenza sulla sicurezza stradale e Consiglio informale di Malta

In risposta al recente rallentamento della riduzione del numero delle vittime di incidenti stradali, la Commissione, in collaborazione con la presidenza maltese, sta organizzando per il 28 e 29 marzo 2017 una conferenza ministeriale e delle parti interessate a Malta.

In occasione di questo evento, che riunirà esperti in materia di sicurezza stradale, parti interessate e responsabili politici, si discuterà dell'attuale situazione della sicurezza stradale e di come procedere per ridurre il numero di morti e feriti gravi. Durante la conferenza ministeriale verrà approvata una dichiarazione sulla sicurezza stradale.

 

Per maggiori informazioni

MEMO: Statistiche 2016 sulla sicurezza stradale: cosa c'è dietro le cifre?

Attività della Commissione in materia di sicurezza stradale e statistiche dell'UE sulla sicurezza stradale

Seguiteci su Twitter:

@Bulc_EU

@Transport_EU

 

Allegato

Vittime della strada per milione di abitanti

Statistiche preliminari per paese per il 2016[1]

 

2010

2015

2016

2015 - 2016[2]

2010 - 2016

Belgio

77

65

56

-13%

-24%

Bulgaria

105

98

99

0%

-9%

Repubblica ceca

77

70

59

-16%

-23%

Danimarca

46

31

37

18%

-18%

Germania

45

43

39

-7%

-12%

Estonia

59

51

54

6%

-10%

Irlanda

47

36

40

13%

-11%

Grecia

112

73

75

2%

-35%

Spagna

53

36

37

2%

-31%

Francia

64

54

54

0%

-13%

Croazia

99

82

73

-12%

-28%

Italia[3]

70

56

54

-5%

-21%

Cipro

73

67

54

*

-23%

Lettonia

103

95

80

-16%

-28%

Lituania

95

83

65

-22%

-37%

Lussemburgo

64

64

52

*

-6%

Ungheria

74

65

62

-6%

-18%

Malta

36

26

51

*

69%

Paesi Bassi [4]

32

31

33

4%

3%

Austria

66

56

49

-11%

-23%

Polonia

102

77

79

2%

-23%

Portogallo

80

57

54

-10%

-40%

Romania

117

95

97

1%

-19%

Slovenia

67

58

63

8%

-6%

Slovacchia

65

57

50

-12%

-22%

Finlandia

51

49

45

-6%

-8%

Svezia

28

27

27

2%

-1%

Regno Unito[4]

30

28

28

1%

-4%

UE

63

51.5

50

-2%

-19%

 

[1] I dati relativi al 2016 sono provvisori; i dati definitivi per singolo paese potrebbero subire lievi modifiche.

[2] Variazione percentuale del numero di decessi.

[3] Stima basata sui dati relativi al periodo gennaio-giugno.

[4] Stima basata sui dati relativi al periodo gennaio-settembre.

* Statisticamente non significativo.

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 28 Marzo 2017 - 18:58





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS