User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Accesso UE alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

A cura di Barbara Matera, Deputato al Parlamento europeo, Vicepresidente della Commissione Diritti della donna e uguaglianza di genere e membro della Commissione Libertà civili, giustizia e affari interni


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 27 Dicembre 2016 - 19:02


Immagine Principale



Bruxelles - La violenza di genere è una violazione diretta dei diritti umani e una forma estrema di
discriminazione che ha un impatto negativo sull’uguaglianza di genere all'interno
dell'Unione europea. La Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la
lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, meglio conosciuta come
Convenzione di Istanbul risale al 2011 ed è un trattato entrato in vigore nel 2014. Il
testo stabilisce norme per la prevenzione e la protezione delle vittime di violenza di
genere. La Convenzione di Istanbul è di vitale importanza per proteggere e difendere
la sicurezza delle donne e il loro diritto fondamentale della parità con gli uomini nell'Unione Europea.
Una donna su tre in Europa è stata vittima di una qualche forma di violenza sessuale dall’età di 12
anni, ma non vi è ancora alcun accordo vincolante a livello UE concepito specificamente per la
protezione delle vittime potenziali o reali.
Il Consiglio d'Europa ha elaborato e approvato questo trattato, che l'Unione europea è in fase di
ratificare come terza parte dell'accordo. Anche se il Consiglio d'Europa è un soggetto diverso da
quello dell'Unione europea, molti degli stati membri fanno parte di entrambe le organizzazioni
internazionali, e da un punto di vista giuridico e morale ci sembra normale che vi sia un allineamento
degli standard morali tra i due, in particolare nel campo della lotta contro la discriminazione basata sul
sesso e la prevenzione della violenza. L'adesione alla Convenzione di Istanbul è diventata sempre più
popolare in seno agli organi comunitari, ed in particolare al Parlamento europeo, dove noi deputate
della Commissione sui diritti della donna e l’uguaglianza di genere abbiamo richiesto l’adesione in
numerose occasioni e con tutti i mezzi legislativi in nostro possesso. Tutti i 28 gli Stati membri hanno
firmato individualmente la convenzione, ma solo 14 hanno ratificato, tra cui l’Italia. Vi è anche una
spinta per avere la firma della Commissione europea sulla convenzione in nome della UE come una
singola entità, ma al fine di creare condizioni vincolanti, soprattutto in merito alle aggravanti penali,
ogni governo UE dovrebbe ratificare individualmente e aderire alla Convenzione di Istanbul.
Alla fine di novembre 2016, il Parlamento europeo ha approvato una mozione per chiedere all'UE di
accelerare il processo di ratifica, sottolineando l'importanza che questa convenzione assume per le
donne europee. La Commissione ha anche annunciato una campagna per il 2017 per sensibilizzare
sulla violenza contro le donne impegnandosi ad apporre firma al trattato insieme agli Stati membri.
Una volta che la convenzione sarà ratificata e implementata in tutta l'UE e in tutti gli Stati membri, ci
sarà una base migliore per la protezione, il perseguimento e la protezione di tutti i soggetti coinvolti
con la violenza di genere e la discriminazione. I firmatari si impegnano a presentare e rafforzare
servizi legali e finanziari accompagnati da reti di sostegno per affrontare la violenza, garantendo che
le varie forme di violenza di genere siano trattati come un reato grave. Ci si impegna, e la promozione
di campagne per assicurare la consapevolezza pubblica della parità tra donne e uomini. È necessaria
un'azione immediata su scala UE, al fine di proteggere le vittime di violenze e abusi. Noi vogliamo
dire basta ad un fenomeno largamente diffuso e che non conosce frontiere o limiti.

Fonte: http://www.eppgroup.eu/italy/

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 27 Dicembre 2016 - 19:02





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS