User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

ROMA via delle Belle Arti, 131

L’ARTE IN ITALIA PRIMA DELLA GRANDE GUERRA 1905-1915 Mostra alla GNAM di Roma SECESSIONE E AVANGUARDIA

Con questa esposizione - che resterà aperta fino al 15 febbraio - la Galleria nazionale d’arte moderna intende approfondire un momento di particolare fervore innovativo all’interno della cultura artistica e letteraria italiana immediatamente precedente la prima guerra mondiale.


:: Cultura Arte Spettacolo

Gio 04 Dicembre 2014 - 15:58


Immagine Principale

Immagine Principale

Immagini:
Boccioni “Idolo moderno”
Severini “Mare e ballerina”

Redazionale

In occasione del centenario della Prima guerra mondiale, la mostra vede protagonista la cultura artistica nei dieci anni che precedono l’entrata in guerra dell’Italia, dalle aperture europee di Venezia e Roma che guardano alla Secessione viennese e all’arte francese, alla nascita del Futurismo, all’interventismo sostenuto dai futuristi anche attraverso le opere d’arte.

Un periodo breve - ideologicamente segnato da contrasti politico-sociali e da un crescente nazionalismo - durante il quale artisti e critici si interrogano sui concetti di modernità e avanguardia. Mentre l’Ottocento - il ‘secolo lungo’ - moriva, e con esso veniva meno l’entusiastica fiducia nel progresso della belle époque, una generazione di giovani artisti si poneva in contrapposizione al consolidato sistema ufficiale delle esposizioni (le mostre degli Amatori e Cultori a Roma, le Biennali a Venezia), contestando i criteri conservatori e selettivi che regolavano partecipazioni ed esclusioni, rivendicando libertà espressiva e autonomia di canali espositivi alternativi.

La mostra prende l’avvio dal 1905, anno in cui Gino Severini e Umberto Boccioni organizzano nel Ridotto del Teatro Nazionale di Roma una Mostra dei Rifiutati la quale, benché non riuscisse pienamente nel tentativo di opposizione efficace alle esposizioni annuali degli Amatori e Cultori, costituì un primo germe di opposizione.

Attraverso otto aree tematiche – che comprendono circa 200 opere, di cui 129 prestiti provenienti per lo più da musei europei e collezioni private - il percorso si apre all’inizio del secolo nel clima del socialismo umanitario, di cui Giuseppe Pellizza da Volpedo è precursore, raccolto a Roma intorno a Giovanni Cena, Duilio Cambellotti e Giacomo Balla, presente in mostra con il ritratto monocromo di Lev Tolstoj.

Seguono gli artisti italiani che avevano avuto una significativa partecipazione alle esposizioni europee indipendenti o secessioniste: Gaetano Previati, ammirato per la spiritualità simbolista al Salon de la Rose-Croix e alla Internationale Kunst-ausstellung di Monaco; Medardo Rosso, che partecipa alla grande rassegna sull’impressionismo organizzata dalla Wiener Sezession nel 1903; Giovanni Segantini, presente sia al Salon du Group de XX a Bruxelles sia alle esposizioni della Secessione di Monaco e di Vienna, invitato dagli artisti stessi della cerchia klimtiana.

L’iniziativa rientra nel Programma ufficiale delle commemorazioni per il centenario della Grande Guerra della Presidenza del Consiglio dei ministri – Struttura di missione per gli anniversari di interesse nazionale.

Immagini:
Boccioni “Idolo moderno”
Severini “Mare e ballerina”


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Cultura Arte Spettacolo

Gio 04 Dicembre 2014 - 15:58





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS