User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Barili bomba sugli ospedali di Aleppo. L’inferno continua

Appesa ad un filo l'intesa tra Stati Uniti e Mosca

di Mimma Cucinotta


:: Esteri

Sab 01 Ottobre 2016 - 17:20


Immagine Principale



Continuano i bombardamenti in Siria. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, i missili della settimana, hanno causato  circa 220  morti. Il principale Ospedale di Aleppo, chiamato M10, situato nella zona controllata dai ribelli, è sotto attacco dall’esercito siriano per la seconda volta negli ultimi giorni. Secondo l'Ong, le incursioni aeree  hanno colpito i quartieri di Al Aziziya, Al Midan e Al Izaa. Il governo di Assad e l’alleato russo, hanno compiuto almeno 7 raid, prendendo di mira gli ospedali e le infrastrutture di Aleppo, la zona risulta completamente distrutta e sarebbero morte almeno 16 persone, tra cui cinque bambini e sei donne. La spietata offensiva al secondo ospedale, il più grande di Aleppo, colpito da barili bomba e bombe a grappolo, è stata definita dal segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ‘’crimine di guerra’’.  

Le popolazioni sono martoriate dagli attacchi ed è difficile in questo momento di ripresa dell’offensiva,che gli aiuti umanitari possano raggiungere i centri colpiti. La settimana scorsa un convoglio di aiuti dell'Onu-Unhcr, Croce rossa e Mezzaluna siriana (Sarc)è stato bombardato. E’ successo, il 19 settembre, poco prima che scadesse la tregua negoziata tra Usa e Mosca , l’esercito del regime di Bashar al Assad, ha dichiarato concluso il cessate il fuoco in Siria. L’incrinatura nei rapporti tra Stati Uniti e Russia non si è ricostituita. Dopo il rimbalzo delle reciproche accuse sulle responsabilità dei bombardamenti a sorpresa allo scadere della tregua,  continuano gli artriti e il raggiungimento di un cessate il fuoco umanitario, sembra non essere vicino. La minaccia di sospensione delle relazioni diplomatiche con  Mosca e Damasco, annunciata ieri  dal segretario di stato americano John Kerry,’’ se non cesseranno i bombardamenti sulla città siriana di Aleppo’’, è stata definita ‘’emotiva’’da Sergei Ryabkov. Il vice ministro degli esteri  russo ha tra l’altro, rifiutato alcune ore fa, la proposta statunitense di sette giorni di tregua, contro un fermo umanitario di 48 ore.  Intanto,il governo americano  starebbe considerando  “alternative militari”, per  mettere sotto pressione  Damasco. L’intesa tra Mosca e Stati Uniti è appesa ad un filo, se dovesse  saltare, gli eventi potrebbero davvero precipitare.


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Esteri

Sab 01 Ottobre 2016 - 17:20





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS