User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Siria, Aiuti umanitari nelle città sotto assedio

Gli Usa accusano Mosca di crimine di guerra. Il portavoce del Cremlino Peskov, sottolinea ''inaccettabile'', situazione difficile, grave danno alle relazioni bilaterali

di Mimma Cucinotta


:: Esteri

Mar 27 Settembre 2016 - 13:14


Immagine Principale



Gli aiuti umanitari delle nazioni Unite hanno raggiunto, nei giorni scorsi,  quattro centri della Siria sotto assedio. E' la prima volta che negli ultimi sei mesi, i convogli umanitari arrivano nelle città travolte dagli attacchi. Nelle aree di Madaya e Zabadani, vicine a Damasco, controllate dai ribelli, la Mezzaluna rossa insieme agli operatori Onu, hanno potuto distribuire beni di prima necessità, raggiungendo anche i villaggi di Foah e Kefraya, occupati dall'esercito di Assad. Lo ha comunicato la Croce Rossa internazionale , secondo cui circa 60mila persone assediate dai bombardamenti hanno ricevuto viveri, medicinali, kit igienico-sanitari e indumenti. E' avvenuto dopo la sospensione  di  48 ore della consegna degli aiuti,  per  la ripresa dei bombardamenti sui covogli umanitari ad Aleppo e Damasco, allo scadere della tregua. Città martoriate dalla guerra dal ritmo inarrestabile, le popolazioni sono allo stremo delle forze, ancora sotto i raid aerei concentrati nelle zone orientali da ieri notte e nelle mani dei ribelli. Secondo gli attivisti, citati dall'agenzia di stampa Dpa, il regime di Damasco da giovedì sera intende riprendere il controllo della città e non placa l'offensiva, per la quale secondo le dichiarazioni dell'attivista Yassen Abu Raed, almeno 10 persone sono morte nelle ultime ore e tra le vittime ci sono anche bambini. L’Osservatorio siriano per i diritti umani, riferisce che più di 237 persone, compresi 38 bambini, sono morte, da quando l'intesa Russo- Usa, faticosamente raggiunta si è incrinata e il cessate il fuoco è fallito. La situazione politica e diplomatica tra Mosca e Stati Uniti, continua a peggiorare. Il botta e risposta alle reciproche accuse sulla ripresa dei bombardamenti della settimana scorsa proprio allo scadere della tregua, è sempre alla ribalta dello scenario internazionale. I toni sono più aspri e ''inaccettabili'', ha sottolineato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, rispondendo a Samantha Power. L'ambasciatrice statunitense, ha infatti , durante la riunione del consiglio di sicurezza dell’Onu, accusato Mosca di crimine di guerra, nel bombardamento su Aleppo, oltre ad aver mentito sul suo coinvolgimento nel conflitto siriano. Il processo di pace in Siria può uscirne compromesso, e ''grave danno''può essere causato alle relazioni bilaterali, ha precisato Peskov, definendo molto critica la situazione. 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Esteri

Mar 27 Settembre 2016 - 13:14





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS