User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Roma, Convegno Europa 2020 Gozi: Occorre una strategia che 'morda' e centri i suoi obiettivi

Risultati da raggiungere sui fronti dell’occupazione, dell’istruzione, della lotta contro la povertà.


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 28 Ottobre 2014 - 22:25


Immagine Principale

Immagine Principale

“L'Italia vuole che la strategia Europa 2020 possa "mordere" sui fronti della governance e degli investimenti, e abbia gli strumenti, pure finanziari, per centrare i suoi obiettivi”.

Lo ha affermato il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, annunciando, entro la fine del semestre di presidenza di turno italiana del Consiglio dell'UE, proposte per rivedere e rilanciare la strategia avviata nel 2010 e ormai giunta a metà cammino.

Se n'è discusso a Roma, il 28 ottobre, in un convegno organizzato dall'Istituto Affari Internazionali con il Dipartimento per le Politiche europee. Obiettivo: fare il punto sui risultati finora ottenuti, compromessi dalla crisi abbattutasi sull'Ue dal 2008, e prospettarne adeguamenti per il 2020.

Chiudendo l'incontro il sottosegretario Gozi ha definito "una strategia finora senza denti" Europa 2020, che pone all'Unione obiettivi da raggiungere sui fronti dell'occupazione, dell'istruzione, della lotta contro la povertà.

Per Gozi, due gli ordini di problemi fondamentali: la governance e gli strumenti, fra cui ci dovrà essere il 'piano Juncker' da 300 miliardi di investimenti. Sul fronte della governance, Gozi ha ammesso che "molte cose non hanno funzionato": sul piano nazionale, la difficoltà dei ministeri di lavorare insieme quando si tratta d'attuare una strategia europea; sul piano europeo, la carenza di coordinamento fra le formazioni del Consiglio Ue e la cooperazione fra le istituzioni, che può essere migliorata.

Sul fronte degli strumenti, l'Italia è favorevole ad utilizzare, per raggiungere gli obiettivi della strategia Europa 2020, il meccanismo europeo di stabilità e a non computare nel debito pubblico nazionale eventuali contributi a finanziamenti comunitari.

Quanto al 'piano Juncker', che Gozi ha definito "un'idea italiana che è diventata europea", l'Italia vuole discuterne al Vertice di dicembre: il piano dovrebbe essere pronto a gennaio e diventare operativo a metà febbraio e dovrebbe avere, fra le sue priorità, l'ambiente, l'energia e le interconnessioni.

Le valutazioni e le proposte emerse nel convegno serviranno a mettere a punto il contributo dell'Italia, che Gozi annuncia "di sostanza", alla consultazione promossa dalla Commissione europea per la revisione della strategia Europa 2020, prevista nella primavera 2015.

Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 28 Ottobre 2014 - 22:25





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS