User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Bruxelles 17/18 dicembre 2015

Vertice Ue spaccato sui migranti

La minaccia della BREXIT lanciata sul tavolo del Consiglio europeo di ieri dal premier britannico Cameron

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Ven 18 Dicembre 2015 - 11:30


Immagine Principale



Bruxelles, 17 dicembre 2015 –  Il   vertice dell’Unione europea  si è avviato ieri  in acque agitate da temi difficili. In primo luogo la procedura d’infranzione contro l’Italia sulla quale il premier Matteo Renzi ha protestato definendo la questione delle impronte digitali “surreale”,accusando l’Ue di utilizzare due pesi e due misure.  Berlino infatti  ha disposto prima gli ingressi e in seguito le identificazioni .. un modus  ha aggiunto Renzi “che non sembra valere anche per l’Italia”.

Pur senza attaccare apertamente la Merkel, il premier italiano, sottolinea che non è piu’ tollerabile un’Europa a guida tedesca, non può esserci un solo paese a dare le direttive politiche, si deve  seguire un’altra strada che possa aprire ad una maggiore crescita e sviluppo.

Sul piano dei migranti, è stato fatto notare, non senza sbotti e accuse, che la politica europea, ha numerose falle, peraltro  evidenziate dalla documentazione che la presidenza lussemburghese ha messo sul tavolo al  Consiglio europeo di ieri. Un punto di accordo è emerso nell’ambito del rafforzamento delle frontiere esterne, sull’onda delle  misure adottate  dalle Commissione europea ieri l’altro (16 dicembre),  circa l’istituzione di  una guardia costiera e di frontiera europea per proteggere le frontiere esterne dell'Europa.

Un altro tema di scontro che ha acceso  ulteriormente il clima del Vertice europeo è la  Brexit, che David Cameron, pone quasi come una minaccia sul tavolo dei lavori. Ma le  proposte del premier britannico non sono facilmente percorribili,  soprattutto per quel che riguarda, il blocco per quattro anni dei benefici del welfare britannico per i cittadini europei che si trasferiscono a lavorare nel Regno Unito, che  secondo il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e  i 27 Paesi consultanti risulta inaccettabile.  Una misura discriminante, che i trattati dell’Unione europea escludono. Un confronto sulle esigenze poste dalla Gran Bretagna potrà essere ripreso al vertice di febbraio, secondo la cancelliera Angela Merkel, che si augura che il Regno Unito rimanga nell’Ue.

Il Consiglio europeo che ieri ha fatto emergere allarmanti posizioni di divisione all’interno dei 28 Paesi membri partecipanti, è in corso anche oggi  e la conclusione è prevista per il primo pomeriggio.

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Ven 18 Dicembre 2015 - 11:30





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS