User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Inaugurazione 2 ottobre ore 18.30, nella suggestiva cornice del Cortile di via Margutta 51/a

INTERSOS presenta a ROMA dal 2 all'11 ottobre la mostra fotografica “L’Arte della Pace. Il Patrimonio culturale e il dialogo per la pacificazione post-conflitto”

LA MOSTRA RIPERCORRE IN 45 IMMAGINI IL LAVORO, LA DEDIZIONE DEGLI OPERATORI INTERSOS IN KOSOVO DAL 2000 AL 2010


:: Sociale

Lun 22 Settembre 2014 - 21:45


Immagine Principale



di Redazione

“L’Arte della Pace. Il Patrimonio culturale e il dialogo per la pacificazione post-conflitto”, è il tema della interessante mostra fotografica,che l’organizzazione umanitaria
INTERSOS, inaugura il 2 ottobre a Roma nella suggestiva cornice del Cortile di via Margutta,51/a . Sarà ad ingresso libero ed aperta al pubblico fino all’11 ottobre 2014, dal lunedì al sabato, dalle 15.30 alle 19.
La mostra ripercorre in 45 immagini quello che il lavoro, la dedizione, la competenza e la passione degli operatori INTERSOS sono riusciti a realizzare tra il 2000 e 2010 in Kosovo: ricostruire il dialogo attraverso il patrimonio culturale, permettendo l’incontro e l’avvicinamento delle diverse comunità kosovare, in particolare albanese e serba, in un territorio dilaniato dal conflitto.
Dopo due anni di interventi umanitari per assistere le migliaia di profughi e per contribuire alla ricostruzione di case, scuole, dopo aver bonificato i terreni, nel 2002, pur continuando l’impegno per il ritorno a casa dei profughi, INTERSOS avvia un programma di restauro e di conservazione di edifici del patrimonio ottomano-islamico dei XV-XII secolo e di quello serbo-ortodosso dei XIII-XIV secolo, alcuni dei quali distrutti o danneggiati dalla guerra. Ciò che era stato simbolo della divisione e dell’odio, le moschee e le chiese, in particolare, poteva diventare, per il suo valore artistico e culturale, l’occasione per la ripresa del dialogo, l’incontro e un cammino in comune.
“Finita la guerra, bisognava costruire la pace” racconta Nino Sergi, Presidente di INTERSOS, impegnato in prima linea nella realizzazione dei progetti di restauro in Kosovo. “Già nel 2000, mentre realizzavamo gli interventi di ricostruzione, siamo stati colpiti dalla visione di edifici di straordinario valore storico e culturale che erano stati incendiati, saccheggiati, distrutti, insieme alle case. Si trattava di edifici che raccontano la storia di questa terra, la sua cultura, la sua vita: una storia che, come è avvenuto sempre e ovunque purtroppo, è stata anche violenta, carica di successive dominazioni e sopraffazioni, ma che riguarda comunque tutti, perché ne è patrimonio comune, che lo si voglia o no. Per un’organizzazione umanitaria come INTERSOS, che ha una specifica vocazione alle operazioni di emergenza, è un imperativo investire risorse intellettuali e tecnico-professionali anche per contribuire a ricostruire le ragioni e le condizioni della pace e uno spirito teso alla convivenza e alla riconciliazione in alcuni di quei luoghi in cui, durante il periodo bellico, ha svolto la propria opera per salvare vite umane, accogliere profughi, portare cibo e acqua, curare le malattie.”
La mostra fotografica realizzata da INTERSOS si inserisce all’interno della manifestazione, promossa dal Centro Regionale Sant’Alessio per Ciechi, “La Gioconda in Via Margutta. Una carezza per Monnalisa”: una collezione di traduzioni tridimensionali in bassorilievo di celebri dipinti compresi tra Medioevo ed Età moderna. Obiettivo della mostra è educare all’uso integrato dei sensi residui, in presenza di deficit visivo, per un rafforzamento delle facoltà percettive, cognitive e intellettuali delle persone disabili della vista, ma anche educare la sensibilità delle persone normovedenti. (www.santalessio.org)
L’educazione all’arte e alla scoperta e riscoperta del patrimonio e delle bellezze artistiche rappresentano il filo rosso che lega i due eventi culturali, a testimonianza che l’arte può essere davvero lo strumento concreto di dialogo e incontro tra le diversità.

Per la partecipazione all'evento è gradita la registrazione.

Per maggiori informazioni:
Ufficio Stampa INTERSOS
comunicazione@intersos.org
www.intersos.org
+390685374332
+393357270518

Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Sociale

Lun 22 Settembre 2014 - 21:45





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS