User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Ungheria, è caos migranti

La stazione ferroviaria internazionale di Budapest presa d’assalto, polemiche sulla registrazione

di Roberto Sciarrone - La Sapienza,Università di Roma


:: Uno Sguardo all' Europa

Gio 03 Settembre 2015 - 13:14


Immagine Principale



La stazione ferroviaria internazionale di Budapest è stata riaperta in queste ore dalla polizia ungherese, immediatamente assaltata dai migranti siriani che per due giorni sono rimasti fuori dopo lo sgombero del primo settembre.

Ancora nessun treno è pronto a partire in direzione Germania, è lo stesso premier ungherese Orban ha dichiarare che il problema migranti “è tutto tedesco”. La situazione intanto si fa sempre più difficile e lo stesso Martin Schulz ha accusato i leader europei dell’inefficaci misure prese dall’Europa: “I leader europei hanno dimostrato chiaramente di non essere in grado, di non avere la capacità di gestire la situazione, è noto che tocca ai singoli paesi controllare le frontiere esterne.

E questo sta facendo l’Ungheria”. Le polemiche sulle registrazioni hanno infiammato la giornata di ieri, Orban ha comunque dichiarato che l’Ungheria deve registrare tutti i migranti nel Paese, prima che la lascino in direzione di Austria e Germania. Infine il premier ungherese ha lanciato un appello: “Il punto è il senso di responsabilità, se accettassimo tutti sarebbe un fallimento morale. Io vorrei dire: Non venite, il viaggio è pericoloso. La Turchia è già un paese sicuro”.

 

Torniamo però ai fatti di queste ore e alla stazione ferroviaria di Keleti a Budapest, l’ingresso principale è stato riaperto poco prima delle 8.15 e i migranti – circa duemila – si sono riversati all’interno dirigendosi verso un treno fermo cercando di salire. Un annuncio pubblico ha reso noto che nessun treno internazionale partirà dalla stazione Keleti fino a nuove disposizioni, ecco il testo “Nell'interesse della sicurezza dei trasporti ferroviari, la compagnia ha deciso che i collegamenti diretti tra Budapest e l'Europa occidentale non saranno in servizio fino a nuovo ordine”.

 

Il presidente Mattarella ha così commentato i tragici fatti di queste ore: “L’evidenza dei fatti e delle tragedie a cui si assiste hanno una forza di persuasione molto alta” e ieri l’Italia ha fatto sapere che aumenterà i controlli di confine al valico del Brennero, proprio su richiesta della Germania, i ministri degli Esteri di Italia, Germania e Francia hanno sottoscritto, a tal proposito, un documento di ampio respiro con il quale chiedono una forte risposta europea alla crisi.

Ancora parole insomma, in attesa dei fatti.

 

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Gio 03 Settembre 2015 - 13:14





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS