User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Nascono nuovi muri per arginare profughi e terrorismo

... i migranti non devono passare.....

di Domenico Interdonato


:: Sociale

Lun 31 Agosto 2015 - 22:59


Immagine Principale



Immagine: Il  Muro Libano-Israele

 

I muri del secolo scorso sono caduti via  sotto la scure delle guerre e della libertà.

Muri realizzati per tanti motivi a cominciare  dalla Grande muraglia cinese, fino ad arrivare al  1900, con la linea Maginot, la linea difensiva albanese della dittatura Oxa, al muro di Berlino, tutte opere faraoniche cancellate o quasi e ricordate oggi solo a scopi turistici o didattici.

La storia la conoscono in pochi ed allora, politici miopi e per nulla lungimiranti continuano a costruirne altri di muri, sono dei modelli tecnologici come quelli al confine USA - Messico, quelli del Marocco  spagnolo di Ceuta e Melilla, alla linea "Blu" che divide Israele dal Libano e al "Muro di sicurezza"  israeliano in costruzione per annettersi la Cisgiordania e proteggere Gerusalemme, progettato per essere tre volte più alto e due volte più largo del muro di Berlino. Il tempo di censirli e ne nascono altri l'emergenza lo impone! l'Ungheria lo sta realizzando al confine con la Serbia, lungo 175 chilometri e alto 4 metri, i migranti non devono passare.

Quando mancano le idee, quando non si ha la volontà di oltrepassare l'area condominiale, quando la pochezza culturale affligge, si pensa a chiudersi rinunciando a studiare il problema per cercare di risolverlo alla fonte dove nascono i fiumi dei disperati.

I problemi si potrebbero risolvere con una azione politica ed economica di largo respiro, con accordi internazionali, che portino investimenti da spalmare e pianificare in un decennio, con capitali da investire irrisori rispetto a quelli utilizzati per risolvere le emergenze. Purtroppo premier capaci al momento non se ne vedono all'orizzonte  e quindi si continua a navigare a vista cercando di tamponare le emergenze e le beghe interne, evitando di uscire dall'uscio di casa.  

 

L'iniziativa contro i muri

In Terra Santa c'è la "Giornata contro il muro", l'iniziativa di preghiera che ritorna ogni primo marzo, ideata dalla “Campagna ponti e non muri”, ispirata dalle parole di papa Giovanni Paolo II che, nel novembre 2003, invocando la pace, disse: “Non di muri ha bisogno la Terra Santa, ma di ponti”.

 

Il Libro contro i muri  

'Nessuno strumentalizzi Dio! - Papa Francesco in Terra Santa: l'urgenza della pace', della giornalista vicentina Romina Gobbo. Il libro, rievoca la visita di papa Francesco in Terra Santa a fine  maggio 2014. I gesti e le parole del Pontefice hanno ispirato l'autrice. Che parte da quel 'pellegrinaggio di preghiera' per raccontare la Terra Santa, un territorio meraviglioso, ma ricco di  contraddizioni. Dove si continuano a costruire muri ed abbattere  i ponti in una atmosfera multiculturale complessa, che convive con il conflitto israelo-palestinese e l’equilibrio tra le religioni: Ebraismo, Cristianesimo e Islam.

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Sociale

Lun 31 Agosto 2015 - 22:59





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS