User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Grecia, Tsipras dopo l’accordo, indebolisce la maggioranza in Parlamento – Syriza spaccato

Varoufakis : avevo un piano ma Tsipras ha ceduto ai creditori – Le riforme entro il 15 luglio al Parlamento di Atene per l’avvio del terzo piano aiuti


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 14 Luglio 2015 - 01:13


Immagine Principale



di Redazione

 

Aggiornamento del 13 luglio 2015 - I problemi per la Grecia non sono finiti. Dopo la firma dell’accordo lacrime e sangue,  di Tsipras  con i creditori , le reazioni  del suo partito sono state immediate. L’ala più oltranzista già contraria all’accordo, non appoggerà in Parlamento  le riforme, e la spaccatura di Syriza indebolirà fortemente il voto che entro il 15 luglio dovrebbe varare il piano, per il via ai finanziamenti di  86 miliardi, secondo i tempi che l’Eurosummit ha stabilito.

Il governo di Alexis Tsipras, è messo in queste ore a dura prova,  forse un rimpasto è già nelle cose, e la testa del premier potrebbe cadere. Tsipras  può contare sull’appoggio di Nea Demokratia, To Potami e Pasok che hanno già espresso un voto compatto in  favore del piano di riforme, propedeutico alla chiusura dei negoziati, ma perde alleati, circa 35 deputati  diranno No, come  il ministro della Difesa Panos Kammenos che ha annunciato che il suo partito Anel - alleato di Tsipras - non sosterrà l'accordo, al quale  è sempre stato contrario anche l’ex ministro greco delle Finanze, Yanis Varoufakis, grande assente  in Parlamento, il giorno del  voto della proposta greca , che oggi  con asprezza, ha  dichiarato, di “aver proposto a Tsipras un piano di attacco, ma lui ha  ceduto ai creditori”.

Mercoledì un nuovo Eurogruppo dovrà riunirsi per discutere sul lavoro dei parlamentari, ma sarà solo la fase iniziale, sempre che il governo abbia  i numeri che consentiranno di far passare l’accordo appena firmato in Parlamento.

L’avvio dei negoziati  con il fondo salva-Stati Esm per il terzo salvataggio,  non riuscirà a  risolvere  complessivamente le  necessità finanziarie di Atene, per il pagamento di 12 miliardi, che in luglio e agosto, dovrà versare  a Fmi e Bce.

Per far fronte , occorrerà un ulteriore prestito ponte, che secondo Jeroen Dijsselbloem eletto per  il secondo mandato a  presidente dell’Eurogruppo, non sarà semplice attivare.

 

 

Bruxelles, 12 luglio 2015 - All'Eurosummit è stato raggiunto l'accordo sulla Grecia. Il vertice è stato infinito, è durato quasi 17 ore, ma si è arrivati ad una conclusione i leader dell'Eurozona hanno trovato l'intesa per avviare il terzo piano di salvataggio alla Grecia.

 Il cancelliere tedesco Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande, il premier greco Alexis Tsipras e il presidente del Consiglio europeo  Donald Tuskdopo oltre 30 ore complessive di negoziati,sono riusciti a far prevalere la loro linea e  convergere  in  un'intesa .

 Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, parla di accordo unanime, ma le  condizioni sono rigorose, comunque siamo pronti per dare il via all’ “Esm", lo European Stability Mechanism, il Fondo salva Stati e salva-banche creato per proteggere dalle insolvenze la zona dell’euro e che permetterà il sostegno finanziario del Paese ellenico. Il lavoro dell’Eurogruppo da ora sarà in sinergia con le istituzioni per giungere alle ultime decisioni .. -  dichiara  Tusk.

 

Soddisfatto del risultato raggiunto, il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, ha affermato che  “ .. questo accordo ha evitato  una Grexit, ed è l'obiettivo per il quale ci siamo sempre battuti…  non ci sono nè vincitori nè sconfitti ..  Non penso – continua Juncker -  che i cittadini greci siano stati umiliati, si tratta di un accordo tipicamente europeo".

 

Il premier greco  Tsipras  durante le trattative dell’eurosummit di ieri, ha fatto il gesto di togliersi la giacca per  darla ai suoi interlocutori, come per dire … prendete anche questa… ma il  compromesso raggiunto  gli ha fatto tirare un bel sospiro di sollievo, anche se le reazioni di Atene non sono mancate . Alla Tv di Stato ellenica Ert , il  ministro greco del Lavoro, Panos Skourletis,  ha  dichiarato che  “L'offerta di salvataggio proposta alla Grecia non è percorribile … la forza della maggioranza di governo in Grecia è in dubbio e non si possono dare colpe ai deputati che non saranno d'accordo con le condizioni dell'accordo con i creditori internazionali, e la sua approvazione richiederà il sostegno dei deputati dell'opposizione o un governo di unità nazionale e -  prosegue Skourletis – in condizioni normali, se non ci fossero i problemi  delle banche e i controlli dei capitali direi immediatamente che dovremmo andare alle elezioni, ma non escludo l'ipotesi di elezioni anticipate entro l’anno”.

A poche ore dall'accordo della Grecia con i creditori, i mercati finanziari hanno festeggiato aprendo stamattina  positivamente.  

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 14 Luglio 2015 - 01:13





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS